Ricordi alle spalle, la Castellettese vuole tornare competitiva

Squadra a rapporto, comincia la stagione
Squadra a rapporto, comincia la stagione
- 45114 letture

Ad inizio settimana è tornata in campo la rinnovata Castellettese di Thomas Forzatti, che proprio lunedì ha ripreso gli allenamenti dopo la pausa estiva. Profondamente rinfrescata sia nell'assetto societario che sul campo, la compagine ticinese proverà in questa stagione a mettersi alle spalle un'annata estremamente complicata, dove i tanti problemi vissuti prima con Rovellini sulla panchina e poi con l'avvento dello stesso Forzatti non hanno permesso alla squadra, partita con grandi ambizioni, di recitare un ruolo da protagonista in campionato, arrivando a salvarsi addirittura negli ultimissimi flash di un campionato che pareva stregato. "E' stata una stagione difficile sotto tutti i punti di vista - conferma Forzatti perché abbiamo dovuto lavorare in condizioni estreme. Sono contento della conferma da parte della società, con la dirigenza e soprattutto con il presidente Gentile si è creata un'unità di intenti speciale e il lavoro svolto in questa estate con il direttore sportivo Gallo è frutto anche di questa intesa. Anche l'estate è stata abbastanza complicata, ci siamo trovati a dover ricostruire la squadra quasi interamente daccapo e non è stato semplice: abbiamo parlato con tanti giocatori e tutti prendevano tempo per capire che tipo di rosa avrebbe avuto la Castellettese nella prossima stagione; quando poi la situazione si è sbloccata, i giocatori sono arrivati di conseguenza ma non nego che ci sono stati anche dei momenti particolarmente complicati". Sull'avvio di campionato Forzatti non si sbilancia, ritenendo quello disegnato per la Castellettese un cammino da accettare in tutta tranquillità: "Ci sono diverse scuole di pensiero in questo, c'è chi preferisce incontrare subito le formazioni più attrezzate e chi invece vorrebbe avere un avvio di campionato più docile; io in passato mi sono trovato in entrambe le situazione e, anche se sembrerà banale e scontato, credo che alla fine si debba giocare con tutti. Certo, il momento potrebbe anche contare molto ma è difficile poterlo definire in partenza quindi prendiamo quello che verrà con grande tranquillità".

Anche con il direttore sportivo Gallo al momento della presentazione il primo argomento che viene naturale trattare è quello del mercato, ancora non pienamente concluso per la Castellettese: "Credo sia stato fatto un buon lavoro, il risultato è quello di avere una rosa equilibrata; in questa fase è inutile fare grandi proclami ma credo che squadra qualche soddisfazione se la toglierà. E' presto per definire dei veri e propri obiettivi, anche perché cambiando 15-16 giocatori c'è bisogno anche di tempo per trovare la giusta amalgama e bisogna anche essere consapevoli che, in un modo o nell'altro, devi anche essere fortunato e deve girarti tutto bene. Noi ci siamo prefissati di arrivare il più presto possibile a 39-40 punti per poi divertirci una volta sicuri di avere la salvezza in tasca".

Guardando la squadra radunatasi agli ordini del tecnico, Gallo si lascia sfuggire la possibilità di essere ancora vigili sul mercato: "Sicuramente non andiamo in vacanza perché il nostro lavoro non è finito, se da qui alla fine del mercato dovesse capitare ancora qualche occasione buona la valuteremo di certo; noi siamo una squadra molto giovane e in panchina in questo momento Forzatti potrebbe portare solo ed esclusivamente ragazzi con poca esperienza, quindi se dovessimo avere l'opportunità di prendere un giocatore che ci possa garantire un po' di esperienza, ben venga". Gallo lascia spaziare lo sguardo anche su quello che sarà il prossimo campionato di Promozione, con i calendari appena resi noti che disegnano un avvio non facile per i ticinesi: "Nella scorsa stagione, quando non ero legato a nessuna squadra, ho seguito diverse gare del campionato di Promozione e guardando alle squadre presenti quest'anno mi sento di poter dire che vedo molto più equilibrio rispetto all'annata appena trascorsa. Dovremo solo vedere che tipo di mercato hanno condotte le squadre vercellesi che solitamente non sono in questo girone, come Bianzé e Scuole Cristiane, e che quindi saranno una novità per tutti che dovranno scoprire le potenzialità di queste formazioni ma appare evidente che manchi una squadra nettamente inferiore alle altre: saranno tutte gare difficili, le squadre si sono attrezzate bene e quindi sarà un campionato molto combattuto".

Sono stati programmati i primi test per la Castellettese, che sarà già in campo domenica 13 per un triangolare molto gustoso da giocarsi a Dormelletto con Stresa e Como, formazione di Serie D che in questi giorni si sta allenando a Dormelletto. Sabato 19 spazio alla sfida in campo esterno con la Besnatese mentre domenica 20 altra trasferta varesina contro la Turbighese. Domenica 27 agosto infine altro impegno in trasferta contro l'Oleggio Castello prima della Coppa che per la Castellettese prevederà il quadrangolare con Briga, Accademia Borgomanero e Dormelletto.

Carmine Calabrese