L'angolo de La Trecatese - "Steccata" alla prima

Un'immagine della gara di Tornaco
Un'immagine della gara di Tornaco
- 46410 letture

C’erano molte aspettative nel vedere La Trecatese nella prima giornata di campionato, ma alla fine il risultato non ha premiato i ragazzi del nuovo mister Marco Bonalumi. La squadra presentatasi all'appuntamento con molte novità rispetto alla scorsa stagione, tanto che a parte Rapisarda e Deliu la formazione d partenza era composta solamente da volti nuovi arrivati quest'estate, non è riuscita ad esprimersi sui livelli che avrebbe voluto.

La partita si dipana su ritmi molto alti tanto che La Trecatese nei primi minuti va vicina al gol prima con Scalvini e poi con Ricchiuti; dal 15' però gli ospiti patiscono una mezz’ora di black-out che si rivelerà decisiva perché permette al Basso Novarese di realizzare un uno-due che sancirà la vittoria: prima Milas s’infila in una voragine difensiva e batte Signorelli e dopo circa una decina di minuti su un cross all'apparenza innocuo Boaroli svirgola il tentativo di rinvio centrando la propria porta e beffando l’incolpevole portiere. La Trecatese cerca di reagire ma a parte qualche sortita offensiva nella seconda parte di primo tempo non si rende mai pericolosa.

Nella ripresa Bonalumi cambia qualcosa inserendo Pani, Napoli, Tardonato e Finati per cercare più vivacità e geometrie, la fase offensiva migliora e la squadra ospite crea diverse palle goal: Scalvini e Finati su tutti vanno vicino alla rete fino al 37’ quando Semilia su punizione accorcia le distanze; a questo punto il Basso Novarese si abbassa a difesa del residuo vantaggio, i ragazzi trecatesi cercano con insistenza il pareggia ma la squadra di Albertini tiene duro e riesce a portare a casa i primi tre punti della stagione.

Le parole del presidente Andrea Pregnolato a fine gara sono all'insegna della speranza: "Non è cominciata bene questa nuova avventura in Seconda categoria, si sono viste cose positive ma anche tante altre da migliorare; tutti quanti noi speravamo in un inizio diverso ma ci sono ancora 25 partite e sono convinto che potremo dire la nostra in questo campionato. Ora a tutti i ragazzi dico di prendere questa sconfitta come esempio, di rimetterci subito al lavoro e pensare al Carpignano perché sono convinto che sarà un’altra gara difficile".

Carmine Calabrese