Gozzano, prima sconfitta ma resta la vetta

Lo spagnolo Perez, rimasto in panchina
Lo spagnolo Perez, rimasto in panchina

Non è felice l'anticipo in terra lecchese dell'undicesima giornata per il Gozzano che deve incassare la prima sconfitta stagionale dopo una striscia positiva che ha portato i novaresi ad ottenere, con otto vittorie e due pareggi, la vetta della classifica del girone A di Serie D. E' stata tuttavia una sconfitta indolore quella patita dalla formazione di Marco Gaburro ad Olginate dove i bianconeri di casa hanno vinto per 2-0: il pareggio interno conquistato dalla Caronnese con il Seregno infatti ha permesso al Gozzano di mantenere un punto di vantaggio sui diretti inseguitori con i rossoblù che occuperanno la prima piazza della graduatoria almeno fino al prossimo primo novembre, quando sarà in programma il turno infrasettimanale e i novaresi ospiteranno il Bra per riprendere quella corsa interrotta contro l'Olginatese in una gara che sembrava sulla carta ampiamente alla portata della squadra ospite.

E' successo tutto nel primo quarto d'ora quando un avvio non ottimale del Gozzano ha permesso alla squadra di casa di ottenere il doppio vantaggio: all'8' ci ha pensato Menegazzo a mettere alle spalle di Gilli a conclusione di un'azione tambureggiante dei bianconeri lecchesi, al 14' ha concluso l'opera Fabiani deviando con i tempi giusti una punizione battuta da Mangiarotti. E' mancata la reazione di un Gozzano nervoso, che nella ripresa ha dovuto subire anche due rossi pesanti in vista della gara di mercoledì al "'D'Albertas": il primo a lasciare il campo è stato Incatasciato, pochi minuti dopo l'inizio della ripresa, è toccato poi ad Emiliano guadagnarsi il rosso diretto (24') che ha lasciato il Gozzano al 90' in nove uomini.

La situazione del girone A di Serie D con il Gozzano sempre in testa

Carmine Calabrese