Calciomercato LIVE

Testa e cuore, il Gozzano si riprende la testa della classifica

Petris il migliore tra i padroni di casa
Petris il migliore tra i padroni di casa

L'aveva detto alla vigilia mister Gaburro, ci sarebbe voluto il miglior Gozzano per battere la corazzata Caronnese, ancora imbattuta in campionato e principale antagonista dei novaresi nella corsa alla Lega Pro. E anche se la prestazione della compagine cusiana non può essere archiviata come la migliore di questa stagione, la voglia di vincere dimostrata da capitan Lunardon e compagni ha avuto ragione sull'organizzazione di gioco dei varesini che, per lunghi tratti di gara, la squadra di Aldo Monza ha mostrato anche al "D'Albertas". Il Gozzano ha forse però più armi rispetto agli avversari perché in uno dei peggiori pomeriggi di Capogna che ha fallito almeno un paio di occasioni che un attaccante del suo calibro mai dovrebbe sciupare, ha trovato i gol e l'efficacia di Carboni e Lunardon e la spinta inesauribile di Petris sulla fascia che hanno di fatto segnato il solco decisivo nel match più importante di questa ultima parte di 2017.

Pendolino senza fermate Moduli a specchio per i due tecnici che scelgono di giocarsi la gara a viso aperto schierando su entrambi i fronti tre punti. Gaburro sceglie Capogna come riferimento centrale con capitan Lunardon e Perez Moreno a muoversi ai fianchi e impernia il centrocampo sulle geometrie di Guitto che si troverà di fronte sulla mediana l'ex compagno di squadra Mantovani, fulcro del gioco varesino. Altro ex nella prima linea caronnese, quel Marco Massaro che ritorna a calcare i campi novaresi appoggiato dalla mobilità e dalla fantasia di Corno e Villanova, tra i migliori in campo in assoluto. La fase di studio iniziale si infrange già al 9' quando Petris fa capire le sue intenzioni bellicose percorrendo tutta la fascia destra prima di lasciare partire un traversone su cui nessun compagno è pronto ad intervenire. La gara si sblocca al 12' su azione d'angolo, in area varesina Carboni sale in cielo per colpire a fronte piena la sfera e depositarla alle spalle di Gionta. Il vantaggio novarese sveglia gli ospiti che si fanno più intraprendenti: al 16' Corno si tuffa di testa con i tempi giusti sulla punizione di Mantovani ma la palla arriva docile tra le braccia di Gilli, due minuti dopo ancora Corno viene murato da Tordini nel cuore dell'area di rigore prima che Gilli si superi volando a deviare il tiro a giro di Baldo che sembrava destinato in fondo al sacco. Il Gozzano risponde con l'ennesima sgroppata di un primo tempo superlativo di Petris, il pallone calciato dal francese verso la porta scheggia la traversa prima di uscire. Perdita pesante per la prima linea varesina al 24', con Massaro costretto ad abbandonare il campo per infortunio, sostituito dal neo acquisto Rolando Eugio (anche lui vecchia conoscenza in maglia Sporting Bellinzago) appena arrivato dal Varese. Nel finale di tempo la Caronnese recrimina per ben due volte con il direttore di gara: al 39' un contatto sospetto a centro area viene lasciato correre perché Baldo, appostato sul secondo palo, per poco non trova il pari superando Gilli ma non Carboni che sulla linea sventa la minaccia; al 42' poi Corno lanciato in piena corsa si allaccia con Petris finendo al tappeto in area ma guadagnando solo il giallo per simulazione. Prima del riposo lo scivolone di Petris favorisce l'inserimento di Ferrara la cui botta ha potenza ma non precisione, sfilando sul fondo (47').

Eurogol da applausi La Caronnese sa che sarebbe troppo importante uscire dal "D'Albertas" imbattuti sia in chiave classifica che per dare un segnale al resto del campionato e l'avvio della compagine di Monza fa capire chiaramente quanto la Caronnese insegui il pareggio visto che dopo un solo giro d'orologio è Villanova a cercare lo specchio di Gilli con una parabola da fuori area che non ha fortuna. Il Gozzano non sta a guardare e al 4' l'inesauribile Petris arriva ancora una volta sul fondo da dove serve l'arretrato Lunardon che dal limite dell'area ha una limpida occasione che sfuma con la palla oltre il palo alla destra di Gionta. Al 7' la Caronnese riequilibra le sorti del match con un'azione da manuale, Corno scambia con Rolando Eugio che si appoggia su Baldo che serve nuovamente capitan Corno entrato tra le maglie della difesa di casa da dove lascia partire una conclusione che trafigge Gilli sul palo lungo. Il pari costruito in maniera meritata dagli ospiti potrebbe però già infrangersi al 13' quando Gionta sbaglia la presa su un traversone tutt'altro che trascendentale favorendo Capogna che, ritrovatasi la sfera tra i piedi a porta sguarnita non riesce a spingere in porta da pochi passi. Il nuovo vantaggio è però solamente rimandato perché al 29' è Lunardon, partito sul filo del fuorigioco su un lancio dalle retrovie a colpire il pallone di collo pieno dopo un solo rimbalzo mandando la sfera a morire nel sette opposto alla posizione di sparo facendo esplodere la tribuna del "D'Albertas": la Caronnese va al tappeto e nonostante i molti cambi operato da Monza l'unica occasione per il pareggio la creerà Puccio al 33', cercando il gol di giustezza senza sorprendere Gilli. Al contrario il Gozzano sarà ancora pericoloso prima su punizione con Segato con la palla facile preda di Gionta (42') e poi con l'incredibile errore di Capogna che proprio al 90' scippa il pallone all'incerto portiere varesino prima di spedire incredibilmente, da posizione defilata ma a porta completamente libera, sull'esterno della rete.

GOZZANO-CARONNESE 2-1

Reti: 12' Carboni (G), 7'st Corno (C), 29'st Lunardon (G).

Gozzano (4-3-3): Gilli; Petris, Carboni, Emiliano, Tordini; Segato, Guitto, Romeo (17'st Gemelli); Perez Moreno (17'st Evan's), Capogna, Lunardon (38'st Mikhaylovskiy). A disposizione: Gattone, Rogora, Gulin, Di Giovanni, Vono, Bouchbika. All. Gaburro.

Caronnese (4-3-3): Gionta; Braccioli (36'st Cominetti), De Angeli, Costa, Ferrara (43'st Marconi); Puccio, Mantovani (36'st Roveda), Baldo (43'st Parisi); Villanova, Massaro (24'st Rolando Eugio), Corno. A disposizione: Maimone, Galletti, Giudici, Bamba. All. Monza.

Arbitro: Prevenzoni di Rovereto.

Note: Ammoniti Gilli, Capogna, Emiliano, Evan's e Tordini per il Gozzano, Corno e Roveda per la Caronnese.

Carmine Calabrese