Calciomercato LIVE

Rimola tiene i piedi per terra: "La vittoria? Non è decisiva"

Angelo Rimola
Angelo Rimola

Il successo ottenuto contro il River Sesia per il Borgolavezzaro ha un'importanza che probabilmente va al di là dello striminzito 1-0 con cui la gara si è chiusa nei 90' regolamentari. Lo sa mister Angelo Rimola, che non dovendo più incontrare i sesiani da qui alla fine sa che il passaggio in Prima categoria è ora completamente in mano ai suoi ragazzi: "E' stata una vittoria importante anche se non decisiva, perché il campionato è ancora lungo. E' stato però importante ottenere questi tre punti per creare nei ragazzi consapevolezza dei propri mezzi, per alzare il morale, per aumentare la determinazione in questo gruppo che è molto giovane, non c'è modo migliore che vincere per prendere fiducia. Manca ancora tutto il girone di ritorno e dopo questa partita ci sarà la pausa, dovremo affrontarla bene per poi ricominciare subito con il piede giusto".

Il tecnico novarese riesce anche a trovare il pelo nell'uovo nella prestazione di una squadra che ha giocato con il piglio di chi si sente più forte e vuole dimostrarlo sul terreno di gioco: "Io dico che dobbiamo migliorare ancora tanto nella gestione delle ripartenze, quando ci siamo trovati in vantaggio non abbiamo saputo cogliere le occasioni per chiudere prima la gara e nella ripresa avremmo potuto sfruttare meglio gli spazi che il River ci lasciava. Però credo che si possa dire che questa è stata una vittoria meritata, abbiamo colpito nel momento giusto soffrendo tutti insieme quando c'era da soffrire e questo è un aspetto importante e da sottolineare. Sicuramente possiamo ancora crescere ma penso che siamo arrivati ad un buon livello di squadra, una squadra compatta che sa quello che vuole".

All'orizzonte si prospetta per il Borgolavezzaro un girone di ritorno da vivere tutto d'un fiato, gara dopo gara. Rimola non crede ci possa essere, da qui alla fine, uno snodo più importante degli altri, una gara che potrà presentare per i suoi maggiori insidie rispetto al resto del lotto, ma mette tutte le prossime avversarie sullo stesso piano: "Non credo che da qui alla fine ci sia una gara più importante delle altre, tutte dovranno essere giocate al massimo delle nostre possibilità. La gara più importante è sempre la prossima che andremo ad affrontare, quella che arriverà dopo la pausa e così via. Dobbiamo concentrarci partita dopo partita continuando sulla strada che abbiamo intrapreso che è la stessa che stiamo percorrendo già dalla scorsa stagione; da qui alla fine mancano dodici partite e saranno dodici gare decisive per noi. Non dobbiamo sentirci appagati perché saranno tutte gare difficili da giocare, dovremo continuare a giocare con questa cattiveria agonistica con la volontà di vincere tutte le gare: io vedo questo spirito nei ragazzi anche in allenamento e sono certo che riusciranno a trasferire tutto questo sul campo fino alla fine della stagione".

Carmine Calabrese