Calciomercato LIVE

Micheletti-Briga, chiuso oggi l'accordo

Matteo Micheletti
Matteo Micheletti

Può essere considerato un avanzamento di grado per Matteo Micheletti il passaggio travagliato da Agrano a Briga, che porta il centrocampista dalla Prima categoria alla Promozione. Chiuso con qualche recriminazione il rapporto con la società cusiana, Micheletti ha atteso molto prima di accordarsi con il Briga anche perché erano diverse le possibilità che si prospettavano, anche in Promozione, per il centrocampista. Vallestrona, Pro Roasio e Fomarco Don Bosco le società più vicine a Micheletti prima che irrompesse il Briga trovando in breve l'accordo con il giocatore, tanto da essere già in campo oggi per il primo allenamento con i nuovi compagni.

"Quella del Briga - conferma il giocatore - è l'ultima proposta che mi è arrivata in ordine di tempo, poco dopo Natale. La squadra, è sotto gli occhi di tutti, sta facendo bene in Promozione, l'ambiente mi è parso di capire che è molto sano e poi c'è il surplus di un tecnico, mister Rampi, che conosco bene per averlo già avuto a Fondotoce dove abbiamo vinto un campionato e con il quale già allora c'era stato un ottimo rapporto. Per quanto riguarda le altre proposte, mi sarebbe piaciuto continuare a giocare con i miei compagni che con me hanno chiuso la loro avventura ad Agrano tanto che sembrava tutto fatto con la Pro Roasio in Seconda categoria ma quando Lissoni ha fatto giustamente una scelta diversa, accasandosi ad Arona, mi sono guardato intorno: oltre a Briga mi ha cercato il Fomarco e mi dispiace veramente tanto non essere riuscito a trovare l'accordo economico con loro sia per il direttore sportivo Perucco, altra stupenda persona conosciuta l'anno del Fondotoce, che per mister Pettinaroli con il quale ho avuto la possibilità di allenarmi un'intera settimana capendo fino in fondo il suo valore tanto che in futuro, come ho detto anche a lui, mi piacerebbe lavorarci per davvero".

Il Briga riporta Micheletti in Promozione, una categoria che il giocatore ha già frequentato in passato ma che, per una serie di motivi nelle ultime stagioni aveva abbandonato: "Tornare a giocare in Promozione ha sicuramente avuto il suo peso - confessa il centrocampista -, è un campionato di livello a cui nelle ultime stagioni non ho più partecipato per motivazioni lavorative che mi hanno indotto a fare altre scelte. Il Briga però si allena a Cressa, a cinque minuti da casa, per cui anche logisticamente questa scelta mi è sembrata la più giusta, arrivare fino al campo di allenamento del Fomarco sarebbe stato sicuramente più complicato".

Un nuovo inizio porta con sé anche una lunga serie di obiettivi, sia personali che di squadra, che sono entrambi chiari nella mente di Micheletti: "Il Briga è partito in questa stagione con l'obiettivo della salvezza quindi quello sarà sicuramente il primo step da centrare. Fatto quello saremmo tranquilli e tutto ciò che verrà di buono nel prosieguo cercheremo di raggiungerlo. A livello personale invece ho bisogno di tornare a giocare con una certa regolarità visto che il 2017 per me non è stato un anno fortunato a livello di infortuni; sto rientrando a poco a poco in forma e mi metterò fin da subito a disposizione di mister Rampi, con il quale ho già parlato ma che mi conosce bene. Non credo che ci saranno problemi in questo senso".

Carmine Calabrese