Rimola guarda avanti: "Possiamo riprenderci, daremo battaglia"

Angelo Rimola
Angelo Rimola

Visibilmente deluso dopo la sconfitta rimediata a Ghemme è il tecnico del Borgolavezzaro Angelo Rimola, che in un colpo solo perde partita e testa della classifica in una gara in cui i novaresi hanno forse pensato troppo presto di aver fatto tutto per conquistare la piena posta in palio. "Non è facile dire che cosa ci è mancato con la Pro Ghemme - analizza il tecnico - anche perché il primo tempo è stato giocato veramente bene dalla mia squadra, eravamo in vantaggio per 1-0 e abbiamo avuto tante occasioni per incrementare il vantaggio. Forse siamo mancati proprio lì, nel momento in cui dovevamo chiudere la partita o per lo meno portarla dalla nostra parte; sul secondo tempo credo abbia pesato molto anche l'infortunio di Cavaliere, che per noi in mezzo al campo è una presenza importante, ma anche la sufficienza con cui sono stati giocati certi palloni, che ci hanno messo in difficoltà".

Lo stop con la Pro Ghemme è stato un fulmine a ciel sereno per una squadra che stava dimostrando di viaggiare a mille e che ora, da che era lepre, si ritrova a dover inseguire in campionato un River Sesia che ha approfittato della sconfitta degli avversari per balzare in testa. Cambia però poco per Rimola: "In verità il campionato è ancora lungo per cui non ci sono stati poi tutti questi cambiamenti. Io non so dove questa squadra potrà arrivare, credo che il nostro intento debba essere quello di provare a vincere tutte le partite che restano da qui alla fine, sicuramente ripartendo dalla prestazione offerta nel primo tempo con la Pro Ghemme. Dobbiamo ritrovare quella cattiveria che ci aveva contraddistinto nel girone d'andata, cercando di ritrovare qualche giocatore perché gli infortuni pesano anche se non devono diventare un alibi: in settimana ci ritroveremo con calma e tranquillità per analizzare quanto successo in campo, per analizzare gli errori e cercare già da domenica di ripartire".

Nel momento clou della stagione il Borgolavezzaro si trova ad aver a che fare con tantissime assenze, anche di un certo rilievo: giocatori come Alessio Borgia o Quaglia difficilmente li rivedremo in campo in questa stagione e questo potrebbe rischiare di essere un handicap importante per la corsa al primo posto. "In effetti in questo momento la rosa è abbastanza corta e non sappiamo quando e quanti giocatori potremo recuperare da qui alla fine, speriamo che almeno quello di Cavaliere non sia un infortunio grave. Al di là di questo la squadra ha dimostrato di poter essere ugualmente competitiva e cercheremo di esserlo fino in fondo; sappiamo che il River Sesia ha una rosa di giocatori ampia e di valore, loro sono i favoriti fin dall'inizio del campionato mentre noi, per essere qui a lottare, abbiamo fatto fino ad adesso qualcosa di straordinario. Abbiamo le carte in regola però per farlo ancora, sicuramente non molliamo e cercheremo di dare battaglia fino alla fine".

Carmine Calabrese