Calciomercato LIVE

Novara-Brescia 2-1, De Salvo: "Vittoria pesante per mille motivi"

De Salvo torna al
De Salvo torna al "Piola"

Il primo ad arrivare nella sala stampa del "Piola" dopo il fondamentale successo azzurro ai danni del Brescia è il presidente Massimo De Salvo, al "rientro" in zona interviste dopo un'assenza prolungata fra viaggi di lavoro all'estero e qualche problemino di salute: "Importante vincere oggi, per mille motivi e non solo di classifica. Serviva per il morale, per la compattezza, per la gente che da un po' non vedeva una vittoria casalinga, per l'avversaria diretta in classifica. Eravamo partiti forte con il nuovo mister, poi una serie di sconfitte e finalmente questa vittoria importantissima. Sono contento di aver visto giocare a quattro la squadra. Un gol lo prendi quasi sempre in questo campionato di B; rispetto agli altri anni dove magari non ne prendevi e vincevi, ora i gol si fanno e si prendono e vale anche per le più forti come Frosinone ed Empoli. Eravamo partiti piuttosto bene con un gol che, per la legge del contrappasso, è comunque legato alla difesa a 4: palla sopra la difesa, un'imbucata e ci può stare. L'avversario era di qualità, una buona squadra, con buoni giocatori".

In relazione alla capacità di una squadra non proprio battagliera di giocare per la salvezza: "Siamo in questa situazione, i giocatori si devono calare al 100% in questa situazione, soprattutto a livello mentale. Un toccasana questa vittoria? Non lo so, guardate, non lo so. Conviene guardare gara per gara. Ci si deve abituare a vincere certe partite per uscire da situazioni così, non basta una vittoria. Abbiamo ora il Palermo, guardiamo solo a quella gara senza fare previsioni che magari vengono subito smentite. Teti è andato in panchina? Sì, lo ha deciso lui, voleva dimostrare fattivamente compattezza alla squadra, ai componenti della società, alla gente. Ogni tanto in questi anni l'abbiamo fatto, sceglie il direttore quando e come farlo. In questo preciso momento ha deciso fosse importante e sono con lui".

Chiedo poi al presidente, con la premessa che parlare di singoli quando si vince è riduttivo, quanto sia stato pesante l'ingaggio a gennaio di Puscas: "Oltre ai gol la sua presenza è pesante dal punto di vista fisico e mentale, ha tanta voglia e sa che ha una chances importante da sfruttare. E' un '96 e vuole fare un certo tipo di carriera. Bravo ragazzo con tanta fame, fa gol e tanto altro. Abbiamo perso anche con lui in campo, attenzione, nessuno è decisivo da solo e lui ha bisogno dei suoi compagni. Una parola però permettimi la voglio spendere anche per Sansone, che oggi con questo gol trova la fiducia per uscire da un momento un po' complicato. Il suo impegno non è mai mancato e sono contento per lui perché fare gol per un attaccante conta tanto".

Stefano Calabrese