Eccellenza girone A - Cade lo Stresa, il Trino torna a sperare

Trino, riaperto ogni discorso
Trino, riaperto ogni discorso

E' un campionato infinito quello che sta mettendo sul tavolo il girone A di Eccellenza. Lo Stresa cade in casa contro ogni pronostico contro la Pro Settimo (1-2) e vede riaprirsi tutti i giochi con il Trino che, vincendo di misura a San Maurizio Canavese, si riporta ad un solo punto dalla capolista quando alla fine mancano ancora tre giornate. Tra l'altro, seppur distanziate, coltivano ancora delle speranze sia il PDHA che La Biellese che, vincendo le rispettive gare casalinghe con Lucento (2-1) e Juventus Domo (3-0), si riportano a meno sette dalla vetta mantenendo acceso il lumicino di un possibile ma improbabile miracolo sportivo.

Importante il successo esterno del Baveno che passa nel fortino dell'Arona riconquistando la quinta piazza ai danni di una Ro.Ce. che, pareggiando in Valle d'Aosta con l'Aygreville (1-1) esce momentaneamente dal gruppo che potrà giocarsi un posto nella zona play-off. Conta più per l'Orizzonti United che per l'Alicese il punto venuto fuori dal confronto in casa della compagine di Yon perché serve ai vercellesi per allontanarsi da una zona calda in cui sono tante le squadre a sorridere questa settimana.

Il colpaccio è ovviamente quello della Pro Settimo a Stresa ma anche il Borgovercelli, incamerando tre punti sofferti nel confronto con il Pavarolo (la rete del vantaggio arriva solo su rigore con Sposito), riguadagnano terreno su Lucento ed Arona. Scivolone pesante del Piedimulera che nell'anticipo giocato al "Pedroli" con il Verbania subisce un rotondo 4-1 che ne ferma la risalita in classifica.

PDHA e La Biellese, c'è ancora acceso il lumicino della speranza - Tutti i risultati del 31° turno e la classifica aggiornata

Carmine Calabrese