Gaburro nella storia: "La Serie C l'ha meritata il Gozzano"

Gaburro, commosso a fine partita
Gaburro, commosso a fine partita

Fatica a realizzare a fine gara mister Marco Gaburro, nocchiero di un Gozzano che ha tagliato per la prima volta nella sua storia il traguardo del salto tra i professionisti. Un epilogo pieno di attesa al termine di una gara non entusiasmante dei rossoblu ha dato al tutto un sapore ancora più particolare, degna chiusura di una stagione che per il Gozzano rimarrà nella storia: "Sì, siamo nella storia ma forse dobbiamo ancora rendercene pienamente conto. E' stata una sofferenza incredibile, è stata una partita incredibile, è stata una stagione incredibile ma forse era questo il giusto finale per far esplodere questo tipo di gioia. La stagione però non è solamente la partita di oggi ma una serie interminabile di punti, di gol e di giocate da parte di un gruppo formato da giocatori di una qualità straordinaria. Per vincere ci vogliono tutte le componenti che qua a Gozzano ci sono: una proprietà straordinaria, una società sempre vicina alla squadra nei momenti giusti con le figure di Casella, Diciannove e Lesina, e questo ha fatto la differenza; infine uno staff tecnico che ha lavorato con grandissimo amore e non soltanto con professionalità e dedizione. Siamo rimasti sempre uniti, davanti dall'inizio alla fine e, adesso possiamo dirlo senza scaramanzia, forse era giusto che finisse così".

Il tecnico minimizza il suo peso sulla vittoria del Gozzano ma sono in molti invece a riconoscere la mano importante del tecnico nel costruire la stagione dei cusiani: "Questo successo non è merito dell'allenatore ma del collettivo, tutte le componenti si sono messe assieme lavorando ognuna nel proprio campo. Io mi sono fatto sopportare, questo forse è stato il mio merito".

Sulla sofferenza patita nei secondi successivi al triplice fischio finale, con la gara di Carate Brianza ancora in corso, che ha costretto i protagonisti a rimanere sul campo con l'orecchio rivolto altrove, Gaburro dà una sua personalissima lettura: "E' stato un momento bruttissimo, di quelli che non vorresti mai vivere, perché devi aspettare gli altri e la sorte non dipende più solo da te. Però è tutto l'anno che siamo costretti a guardare anche dall'altra parte, e probabilmente è giusto che questa suspense si sia vissuta anche nell'epilogo: nonostante tutto quello che si dice nei finali di stagione devo fare i complimenti sia all'Arconatese che alla Caratese per aver onorato fino alla fine il campionato. La giustizia credo che sia però uscita perché, con tutto il rispetto per il Como che è una piazza straordinaria alla quale auguro di tornare in Serie C il prima possibile, quest'anno la Serie C l'ha meritata il Gozzano".

Carmine Calabrese