Calciomercato LIVE

Annarumma abbraccia il gruppo: "Questi ragazzi meritano la promozione"

Il tecnico ticinese Annarumma
Il tecnico ticinese Annarumma

La festa ha un sapore dolce in casa dell'Amatori Castelletto, che al fischio finale della finale playoff con il San Maurizio ha potuto gioire per una Seconda categoria lungamente rincorsa.

L'atto conclusivo, complicato sotto tanti punti di vista come solo una finale lo può essere, non lascia dubbi che i ticinesi questo salto in alto l'abbiamo meritato per quanto fatto nelle ultime due stagioni, come ricorda anche il tecnico Gino Annarumma"Ci siamo sudati questa promozione, è dall'anno scorso che ci stiamo provando: nella scorsa stagione siamo arrivati ad otto minuti dal sogno nella partita contro la Cannobiese ma poi ce la siamo vista soffiare sotto al naso; non volevamo ripetere la stessa esperienza quest'anno, abbiamo provato fino all'ultimo a vincere il campionato ma contro una corazzata come il Virtus Villa era davvero dura. Siamo soddisfatti tuttavia di aver portato il campionato fino all'ultima giornata, penso che sia stato l'ultimo campionato dall'Eccellenza alla Terza ad essere arrivato così avanti per decretare la vincitrice. Nel calcio c'è sempre una possibilità di rivalsa, l'ho detto negli spogliatoi ai ragazzi, ed oggi era la nostra: non potevamo sbagliare, anche se l'avversaria era forte e aveva grandi motivazioni, e con sofferenza l'abbiamo portata a casa; in fondo questo è il nostro dna, non abbiamo mai vinto una partita facile ma il merito va tutto ai ragazzi che si sono allenati bene in queste tre settimane che sono stati fermi, è giusto che siano stati ripagati con questa promozione".

Le complicazioni ci sono state anche nello scontro decisivo con il San Maurizio perché quando l'Amatori Castelletto è andato sotto dopo soli cinque minuti ha visto materializzarsi tutti i fantasmi del passato. Ma il carattere dei ticinesi ha permesso loro di reagire mettendo una pezza ad una partita diventata presto in salita: "Nella sfortuna - analizza il tecnico - probabilmente prendere gol così presto è stato un aspetto positivo perché ha sbloccato la partita, cancellando subito lo 0-0; la gara è stata aperta, noi siamo una squadra che in questi due anni ha sempre lottato per la vittoria e non ha nelle proprie caratteristiche la capacità di speculare su un pareggio. Nel secondo tempo avremmo potuto sicuramente sfruttare di più la superiorità numerica anche se non era facile; le occasioni le abbiamo avuto ma non siamo stati bravi a concretizzarle ma nei supplementari la superiorità numerica ci ha favorito perché ci ha permesso di avere qualcosa in più a livello fisico del San Maurizio".

L'Amatori Castelletto si affaccia anche con qualche ambizione alla prossima categoria, ben sapendo che come hanno dimostrato anche altre squadre il salto non sia insuperabile a livello tecnico. C'è curiosità nel vedere come si attrezzerà una squadra che potrebbe anche diventare, in questa convulsa estate, l'unico club a tenere alta la bandiera di Castelletto Ticino a livello di prima squadra: "Quello che succederà - non vuole anticipare Annarumma - lo vedremo da domani in poi, qui c'è un gruppo storico che arriva direttamente dal Csi che ha già conquistato due finali playoff di Terza categoria; in Seconda per noi sarà tutto nuovo, io stesso credo di essere l'allenatore più giovane di questa categoria: credo che la maggior parte dei giocatori rimarrà ma ora è presto per parlarne. L'unica squadra di Castelletto Ticino: sarà una motivazione ancora più grande se succederà, perché il calcio in questa città ha una storia che parla anche di Serie D".

Carmine Calabrese