Macheda-Galabinov, Novara corsaro a Frosinone

Prima doppietta italiana per Macheda
Prima doppietta italiana per Macheda
- 37687 letture

Un grande Novara torna al successo espugnando per 3-2 il "Matusa" di Frosinone con la doppietta di Macheda e la rete su rigore di Galabinov infliggendo ai padroni di casa la prima sconfitta interna del 2017: uno stop che costa caro ai laziali che si vedono raggiungere dal Verona (avanti negli scontri diretti) e vedono la Spal scappare con cinque punti di vantaggio. Un successo meritato e che riapre i discorsi playoff per il Novara che torna a vincere dopo oltre un mese e che sfrutta la vena dei due attaccanti, ma anche una solidità che lascia ben sperare per questo finale di campionato. Non si sono scomposti gli azzurri per il pareggio di Ciofani su rigore regalato dall'arbitro Abisso, ma hanno trovato il 2-1 con Galabinov sempre su rigore e il tris con Macheda; inutile nel finale il gol di Mokulu Tembe che serve solo a fissare il risultato sul 3-2.

Rigori dubbi Le due formazioni si schierano con uno speculare 3-5-2: i ciociari con la collaudata coppia Ciofani-Dionisi in attacco, gli azzurri senza Mantovani e con Lancini recuperato solo per la panchina con il ritorno di Scognamiglio dal primo minuto; assenti anche Orlandi e Sansone, una maglia da titolare per Selasi nel ruolo di centrale di centrocampo. Parte bene il Novara: al 4' conclusione di Dickmann centrale, al 12' il vantaggio con Macheda che, su assist di Galabinov, supera Bardi portando avanti gli azzurri. Il Frosinone pareggia al 22' grazie ad un rigore inesistente assegnato da Abisso per un contatto tra Dionisi e Scognamiglio: invece di assegnare fallo per il Novara il direttore di gara assegna la massima punizione per i padroni di casa che Ciofani trasforma. Il match si innervosisce: al 28' Da Costa para in due tempi una girata di Dionisi, al 34' Abisso pareggia il conto per quanto riguarda i penalty: anche quello del Novara è dubbio, sul dischetto si presenta Galabinov che non sbaglia facendo andare gli azzurri al riposo in vantaggio.

Pasquetta azzurra Parte con un brivido la ripresa del Frosinone: al 7' un destro di Casarini finisce fuori di pochissimo con Bardi immobile, ma l'ex della partita si deve arrendere per la terza volta al 19', quando Macheda finalizza un contropiede magistrale sfruttando un bell'assist di Cinelli; per l'attaccante piemontese prima doppietta da professionista in Italia e match in ghiaccio per il Novara. Il Frosinone nel finale prima sfiora il 3-2 con il nuovo entrato Kragl, poi lo trova al 90' con Mokulu Tembe, ma non basta per riequilibrare una partita che potrebbe costare carissima ai gialloblù.

FROSINONE-NOVARA 2-3          

Rete: 12' Macheda (N), 22' D. Ciofani (F) su rig., 35' Galabinov (N) su rig., 19'st Macheda (N), 45'st Mokulu Tembe (F).

Frosinone (3-5-2): Bardi; Krajnc, Ariaudo, Russo (32'st Kragl); Fiamozzi, Soddimo (9'st Mokulu Tembe), Maiello, Sammarco (9'st Gori), Mazzotta; D. Ciofani, Dionisi. A disposizione: Zappino, Besea, Frara, Preti, Pryima, Mamic. All.: Dionisi.

Novara (3-5-2): Da Costa; Troest, Chiosa, Scognamiglio; Dickmann, Casarini, Selasi (26'st Koch), Cinelli, Calderoni (30'st Lancini); Macheda (36'st Adorjan), Galabinov. A disposizione: Montipò, Di Mariano, Malberti, Kupisz, Chajia, Lukanovic. All.: Boscaglia.

Arbitro: Abisso di Palermo.

Note: corner 6-0. Ammoniti Gori, Ciofani e Fiamozzi per il Frosinone, Da Costa, Dickmann, Scognamiglio e Koch per il Novara.

Marco Dho