Pernatese grandi firme, cade il velo sulla rosa

Il gruppo della prossima stagione
Il gruppo della prossima stagione

La Pernatese ha messo insieme una parata di stelle per affrontare il prossimo campionato di Terza categoria, con il chiaro intento non solo di essere protagonista ma di provare addirittura a vincere. Non ci sono mezze misure per una squadra che, poste le basi per un rinnovamento interno che ha toccato tutti gli aspetti societari, ora ha voglia di tornare fin da subito nelle categorie che le competono. "L'obiettivo è di riportare col tempo - ammette il presidente Giuseppe Carlucci questa società a stazionare stabilmente in Prima categoria, che credo sia quella giusta per una società che quest'anno festeggerà i 90 anni dalla fondazione. Un programma ambizioso ma, credo, alla nostra portata".

Alla costruzione della squadra, radunatasi nella sua interezza la scorsa settimana ufficialmente per la consegna del materiale tecnico per la prossima stagione ma in realtà per condividere il primo approccio con il nuovo tecnico Diego Anversa e per creare un primo amalgama tra giocatori quasi completamente nuovi, ha provveduto il Direttore Sportivo Saimon Bernardini che è riuscito a mettere insieme un gruppo di giocatori quasi interamente proveniente dalle categorie superiori per portare la Pernatese a vincere già in questa stagione: "Praticamente ci siamo - confessa Bernardini - manca forse solamente una pedina per cui stiamo aspettando risposta e poi valuteremo tre o quattro giovani da inserire nella rosa, il più ormai è fatto. Abbiamo voluto muoverci presto per farci trovare pronti agli appuntamenti che verranno nelle prossime settimane, contiamo di cominciare presto la stagione magari pensando di giocare anche la Coppa di categoria".

La rosa, di grande qualità, si distanzia molto dalla squadra che nella scorsa stagione è arrivata sul fondo del girone B di Seconda categoria: sono solo sette i giocatori confermati della Pernatese retrocessa nella scorsa stagione, chiaro segno della volontà di rinnovamento e di crescita ricercato dalla società che ha portato a pescare a piene mani dalle squadre novaresi di Prima e Seconda categoria alla ricerca di elementi con forti motivazioni per allestire una compagine che non tema confronti nel nuovo campionato. 

Questa la rosa completa confermata dalla società:

Portieri: Alessio Galli (Olimpia Sant'Agabio), Alessandro Scoppa (Basso Novarese), Giuseppe Velardo (confermato).

Difensori: Matteo Cerina (confermato), Fabio Despirito (La Trecatese), Federico Ferrarese (La Trecatese), Jabi Kalou (Rmantin), Jeson Vinotti (confermato).

Centrocampisti: Andrea Borruto (confermato), Zakaria El Mharrar (confermato), Daniele Loiacono (La Trecatese), Fabio Passarella (confermato), Mattia Porzio (Rmantin), Manuele Tessaro (La Trecatese).

Attaccanti: Davide Campisi (Begato), Luca Fittipaldi (Rmantin), Arnaldo Imparato (La Trecatese), Danilo Pernice (confermato), Andrea Re (La Trecatese).

Il tecnico sarà, come già trapelato nelle scorse settimane, Diego Anversa che una volta appese le scarpe al chiodo si è buttato anima e corpo in questa nuova avventura, coadiuvato dall'allenatore in seconda Cristian Melis"Voglio una squadra che lavori con tutta se stessa per arrivare all'obiettivo che ci ha chiesto la società, la vittoria del campionato. La squadra è stata allestita con questo scopo e credo ci siano tutte le carte in regola per potercela fare ma è necessario remare tutti dalla stessa parte: io metterò a disposizione dei ragazzi la mia esperienza calcistica cercando di completare il non semplice passaggio dall'altra parte della barricata; la squadra è zeppa di giocatori di qualità che sono certo mi daranno una mano a portare la Pernatese là dove è giusto che torni".

Anversa si troverà ad allenare nella prossima stagione giocatori con cui fino all'altro ieri ha giocato nella comune esperienza a La Trecatese: un vantaggio o uno svantaggio? "Ho giocato insieme per tre o quattro anni con parte di questi ragazzi - confessa Anversa - e con loro ho voluto fare un discorso chiaro perché il rispetto dei ruoli è qualcosa di importante all'interno di un gruppo che si deve unire; il passo indietro sarà il mio ma i ragazzi, che hanno ugualmente deciso di seguirmi in questa avventura, hanno capito la situazione. A livello tattico avrò una rosa da gestire in cui sono tanti i giocatori che possono essere definiti titolari e con caratteristiche importanti: questo mi porta a disegnare una squadra che cerchi nell'attacco il suo compimento, con pedine intercambiabili a seconda delle condizioni del momento, che sfrutti al meglio le caratteristiche della rosa che mi è stata messa a disposizione. Avere così tanti giocatori che potenzialmente possono scendere in campo dal primo minuto è un'arma in più, sono sicuro che problemi di gestione non ne avremo".

Intanto la Pernatese sta cominciando a lavorare anche per ampliare il proprio settore giovanile e anche per questo sabato 7 luglio è stato previsto un Open Day (a partire dalle 14.30), rivolto ai ragazzi nati tra il 2001 e il 2013 presso il campo sportivo di Pernate per far conoscere la società e le strutture che verranno messe a disposizione dei ragazzi e cominciare a seminare in vista della crescita delle nuove leve che diventeranno in futuro la spina dorsale ed il fulcro della squadra granata.

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:PERNATESE