Calciomercato LIVE

Virtus Mulino Cerano, torna il calcio al "Bellotti"

Il logo della nuova società
Il logo della nuova società

Dopo la scomparsa della propria società di paese, avvenuta in seguito alla fusione con la Romentinese che ha portato alla nascita della Ro.Ce. emigrata a giocare al "Beretta e Muttini" di Romentino, a Cerano era rimasta molta fame di calcio, uno stadio poco utilizzato e tanti giocatori costretti ad emigrare altrove per continuare a giocare.

Questo sentimento a metà tra la frustrazione e la malinconia è stato fatto proprio da Andrea Volpi, volto conosciuto nella cittadina novarese che già nella scorsa stagione ha fondato una società, la Virtus Mulino Cerano, che solo per problemi burocratici si è dovuto accontentare di partecipare ai campionati amatoriali. Problemi che, superati quest'anno, porteranno la nuova società ceranese ad esordire in Figc partendo dalla Terza categoria.

"La nostra avventura è nata nello scorso mese d'agosto - racconta il presidente - perché c'era l'esigenza di dare la possibilità ai ragazzi del paese di giocare a pallone; tanti ragazzi ceranesi nelle ultime stagioni sono stati in giro nel circondario e sentivano forte la voglia di difendere i colori del proprio paese. Ci siamo quindi messi in gioco con questo progetto, che vogliamo fortemente sia duraturo nel tempo, e per una questione di tempistiche siamo partiti dal campionato Amatori strutturandoci però per essere preparati a fare il salto in Figc; la prima stagione è andata bene, ci siamo tolti delle belle soddisfazioni anche a livello di risultati, e con il nuovo anno abbiamo iniziato ad imbastire la seconda parte del progetto che era l'approdo in Terza categoria. Abbiamo la fortuna che in paese molti simpatizzino per noi e quindi siamo riusciti ad allargare la nostra famiglia a persone come Angelo Ferrari, che sarà il nostro nuovo segretario amministrativo e si occuperà così nuovamente di una squadra che gioca a Cerano, o come Pier Giuseppe Galazzetti che sarà il nostro nuovo Direttore sportivo. Il nuovo allenatore sarà Marco Bonalumi, una persona su cui facciamo grande affidamento e che sarà coadiuvato da Giovanni Simi con funzioni di vice allenatore, dal preparatore dei portieri Andrea Ronzio che arriva direttamente dalla Ro.Ce. e infine dal preparatore atletico Roberto Cassini".

Una realtà che sta crescendo a vista d'occhio nei numeri e nell'organizzazione, grazie anche all'ottimo rapporto instauratosi con la Ro.Ce., dalla quale arriveranno parecchi elementi ad innalzare la qualità della rosa della Virtus Mulino. "Ho da sempre mantenuto dei buoni rapporti con il presidente Guido Presta della Ro.Ce. e questo ci permetterà di giocare nello stadio di casa nostra, il "Bellotti". Ci fa grandissimo piacere essere noi a riportare una prima squadra a giocare con il nome del nostro paese ma non vogliamo metterci in competizione con la Ro.Ce. che è tutt'altra cosa rispetto a quello che stiamo cercando di creare noi; loro sono una realtà talmente grande e con obiettivi così alti che è anche normale cerchino le migliori strutture per giocare oppure allarghino il bacino d'utenza per trovare ancora più seguito. Bisogna fare tanto di cappello a quello che sono stati in grado di fare nelle ultime stagioni, sono diventati una macchina che funziona a meraviglia mentre noi stiamo nascendo ora e quindi abbiamo obiettivi diversi: io predico sempre umiltà, spero che ci siano tutti gli ingredienti e anche quel pizzico di fortuna che sempre serve per fare bella figura e per andare avanti con un progetto che non sarà fine a se stesso".

Un progetto però che per andare avanti spedito deve necessariamente porsi anche degli obiettivi sportivi. Obiettivi che per Volpi verranno svelati strada facendo: "In questo momento siamo molto concentrati sulla creazione di una squadra che possa fare bene sulla carta in quello che sarà il prossimo campionato, il primo per noi in Figc. E' innegabile però che la speranza sia quella di essere una bellissima sorpresa all'interno della prossima stagione, però in questo momento ancora non sappiamo fin dove possiamo arrivare per cui sarebbe imprudente da parte nostra mettere dei paletti; ci stiamo impegnando tanto nella costruzione di una squadra che sulla carta possa essere competitiva, però tra il dire e il fare... I nomi dei giocatori in questo momento credo non sia giusto farli perché stiamo ancora aspettando la ratifica della nostra iscrizione che deve arrivare dal Coni: noi siamo pronti, manca qualcosa a livello burocratico e poi potremo svelare anche la composizione della nostra rosa".

Carmine Calabrese