Calciomercato LIVE

Ferrero scalda i motori: "Stagione importante per tutti"

Alessandro Ferrero
Alessandro Ferrero

L'Accademia Borgomanero ritorna in campo con un nuovo manico che si è accollato l'onore e l'onere di guidare nuovamente una squadra agognina in Eccellenza, Alessandro Ferrero. Il tecnico, rimasto a guardare nella scorsa stagione dopo l'amaro esonero di Verbania, accoglie la possibilità di tornare ad allenare in una piazza importante come Borgomanero con grande spirito di rivalsa, lo stesso spirito che spera di infondere a tutto il gruppo messo a sua disposizione dalla società: "Quella che abbiamo quest'anno è un'occasione importante sia a livello personale, dopo la stagione scorsa che non è andata certo come avrei sperato, per riscattare un'annata non positiva sia per tutta Borgomanero che merita sicuramente di avere un posto in Eccellenza e per capirlo basta guardare questo stadio. Credo sia stata costruita una squadra importante, una squadra per poter disputare un campionato da protagonisti".

Non è tuttavia una sfida semplice quella colta da Ferrero, che si troverà ad avere a che fare con un ambiente elettrico che già sogna di occupare posizioni di classifica importante quasi dimenticando che si presenta a questo campionato da neo promossa e che, anche per questo, potrebbe pagare uno scotto alle nuove avversarie: "Credo che un momento di passaggio per amalgamare questa squadra ci debba essere concesso, pur avendo preso giocatori che hanno giocato insieme nelle stagioni precedenti e che hanno un passato recente in Eccellenza. Però per dare una fisionomia riconoscibile alla squadra un po' di tempo è necessario ma credo che siamo stati bravi a scegliere giocatori che oltre alle qualità tecniche abbiano cervello e qualità umane, essenziali per fare bene e per restringere in questo senso i tempi".

Anche dal punto di vista tattico Ferrero dovrà essere bravo a "dosare" nel modo giusto una rosa ricca di talento e personalità soprattutto in alcune zone del campo: "Io credo che se si vuole fare un campionato importante siano necessari giocatori di un certo tipo. Intanto aspettiamo con impazienza il rientro di Cherchi, che sta recuperando e comincerà con noi ma non potrà essere da subito al cento per cento dopo diversi mesi di stop; poi abbiamo scelto giocatori che possano essere anche duttili, ad esempio Manfroni ha giocato spesso da difensore centrale o Silva Fernandes addirittura in Serie C da terzino, pensando anche alle diverse possibilità che ci si possono presentare durante la stagione. Quest'anno ci saranno nove giocatori in panchina con la possibilità di fare cinque cambi, diventa importante che tutti capiscano le necessità della squadra e si mettano a disposizione; è chiaro che chi starà di volta in volta fuori non potrà essere contento ma se il tutto è finalizzato alla crescita della squadra e ognuno si impegnerà per mettere in difficoltà l'allenatore ne trarrà giovamento soprattutto l'Accademia Borgomanero".

Sul prossimo campionato di Eccellenza, con l'Accademia Borgomanero inserita in un girone molto equilibrato, Ferrero si sbilancia facendo un paio di nomi che potrebbero partire davanti a tutti: "Sulla carta penso che La Biellese e il Verbania abbiano qualcosa in più delle altre. Poi c'è una sfilza di squadre che può ambire ad un posto nei playoff che comprende quasi tutto il resto del girone: quando penso a squadre come Ro.Ce., Baveno, Aygreville, PontDonnaz, Trino, Orizzonti mi viene difficile lasciarne qualcuna fuori dai playoff; quello che è certo è che una vince e quattro vanno ai playoff mentre le altre resteranno a guardare". Senza dimenticare l'effetto-Stresa, una squadra non partita per vincere che a maggio ha potuto festeggiare l'approdo in Serie D: "Avevo detto in tempi non sospetti nella scorsa stagione - conclude Ferrero - che lo Stresa era la squadra che aveva più fame di tutte le altre. Questo alla fine fa la differenza, una squadra che per qualità tecniche non era certo tra le primissime del campionato alla fine ha vinto meritatamente".

Carmine Calabrese