Calciomercato LIVE

Gozzano, pari di Coppa con la Pro Patria

Messias sigla la rete dell'1-2
Messias sigla la rete dell'1-2

Non è certo da disprezzare un pareggio fuori casa per il Gozzano, anche se questo è arrivato dopo che già si stava accarezzando il colpaccio. Non è da disprezzare per tante ragioni a cominciare da un campo, lo "Speroni" di Busto Arsizio, dove la Pro Patria di Javorcic renderà la vita difficile a molti. La prestazione per gli uomini di Soda è stata convincente, soprattutto sul piano della personalità: due volte in vantaggio, i bustocchi hanno faticato a rimettere in piedi una gara che il Gozzano, fino al calo fisico finale, ha dimostrato di poter controllare. Ecco, se un appunto va fatto ai novaresi è quello di una condizione fisica non ancora al top ma non potrebbe essere altrimenti a metà agosto e al primo impegno ufficiale.

Sempre avanti Alla prima vera occasione (6’) Rolfini trova un varco centralmente non difeso da nessuno, Mangano in uscita è in ritardo e, una volta saltato, non può far altro che atterrare l’attaccante novarese: dal dischetto lo stesso Rolfini con una botta centrale mette alla spalle del portiere. Al 9’ il calcio d’angolo di Guitto, tagliato verso la porta di Mangano, viene smanacciato dal portiere sul fondo del campo opposto; sul secondo angolo Emiliano batte a colpo sicuro, salva Bertoni sulla linea. Un primo tempo senza grandi emozioni si ravviva al 29’ quando, sul filtrante di Disabato, Emiliano si perde Le Noci e non può far altro che ostacolarlo fallosamente in area: è rigore anche per i bustocchi, dal dischetto Santana spiazza Casadei. Al 36’ però il Gozzano torna in vantaggio dimostrandosi pericolosissimo sui calci d’angolo: la battuta di Guitto raggiunge a centro area Messias, Mangano è bravissimo a salvare d’istinto sul colpo di testa del brasiliano ma nulla può sul tap-in del gozzanese che senza pensarci due volte mette sotto la traversa. La Pro Patria reagisce subito (38') ma la battuta dalla distanza di Gazo di perde oltre la traversa. Al 41’ Mora sfonda sulla destra approfittando di un mancato rientro di Evan’s, il cross dalla linea di fondo è buono per Le Noci che di prima intenzione trova la pronta risposta di Casadei che mette il gambone sul primo palo per salvare la situazione. Al 44’ Messias, recuperata palla a centrocampo, trova campo libero per giungere fino ai 20 metri da cui la sua battuta rasoterra non crea problemi a Mangano.

Quarto d'ora di sofferenza Non passa neanche un minuto nella ripresa che il Gozzano si deve già difendere dalla pressione della Pro Patria che porta in area novarese quasi tutti i suoi elementi ottenendo solo un batti e ribatti senza esito all'interno dei sedici metri. Ben più pericoloso al 2' Rolando Eugio, che chiama Mangano al non semplice intervento, con il portiere bustocco che deve replicare al 4' sul colpo di testa in tuffo di Secondo. Con Giutto a terra per infortunio, Rolando Eugio si lancia in campo aperto al 6', salta secco Lombardoni e timbra l'incrocio dei pali alla sinistra del portiere lombardo. Al 10' Santana cerca il gol da applausi al volo sulla sventagliata dal lato mancino ma la palla si perde ben oltre la traversa mentre al 15' è Guitto a coordinarsi da fuori con il mancino mancando non di molto l'incrocio dei pali; il festival dei gesti da applausi lo continua Disabato al 17', con una sforbiciata salvata solamente dall'intervento provvidenziale con il corpo di Bini. Un minuto dopo Le Noci impegna Casadei direttamente da calcio d'angolo, con il portiere novarese che solo all'ultimo momento riesce ad allontanare dalla linea bianca. Al 29' lo schema su punizione provata dalla formazione di casa sorprende la difesa del Gozzano ma Santana non è lesto e i novaresi possono salvarsi in angolo. Al 32' Gucci, appena entrato, si defila sulla destra per ricevere da Pedone ma il suo diagonale si perde largo sul fondo. Il gol arriva comunque dalla panchina al 36', il pilone Mastroianni si ritrova nel cuore dell'area un pallone malamente allontanato dalla difesa novarese e in girata beffa Casadei, coperto da compagni e avversari. Trovato il pareggio la Pro Patria crede anche nel bottino pieno e al 38' è Pedone, con una staffilata dalla media distanza a preoccupare il portiere ospite. L'ultima occasione è griffata ancora Pedone al 44' ma il centrocampista, intervenendo su un pallone in uscita dall'area dopo una punizione a favore, con il piazzato non trova la porta dal limite.

 

PRO PATRIA-GOZZANO 2-2

Reti: 6’ Rolfini rig. (G), 29’ Santana rig. (P), 36’ Messias (G); 36'st Mastroianni (P)

Pro Patria (3-4-1-2): Mangano, Molnar, Boffelli, Lombardoni; Mora, Gazo (30'st Colombo), Bertoni, Galli; Disabato (19'st Pedone); Santana (30'st Gucci), Le Noci (19'st Mastroianni). A disposizione: Tornaghi, Marcone, Pllumbaj, Fietta, Zaro, Angelina, Ghioldi. All. Javorcic.

Gozzano (5-3-2): Casadei; Petris, Bini, Emiliano, Tordini, Evan’s; Messias (25'st Romeo), Guitto (22'st Grossi), Secondo (41'st Tumminelli); Rolando Eugio, Rolfini (41'st Testardi). A disposizione: Bertinotti, Manè, Gigli, Lunardon, Salvestroni, Gemelli, Gilli. All. Soda.

Arbitro: Repace di Perugia.

Note: Pomeriggio caldo e soleggiato, campo in non perfette condizioni. Spettatori 600 ca. Ammoniti Bertoni, Lombardoni e Mora per la Pro Patria, Emiliano per il Gozzano.

Carmine Calabrese