Accademia, trasferta vincente al "Curotti"

Secci, autore del gol vittoria
Secci, autore del gol vittoria

Nel rinnovato "Curotti" di Domodossola l'Accademia Borgomanero cancella le ombre lasciate dalla sconfitta con il Piedimulera superando la Juventus Domo con il minimo scarto ma con una prestazione ben più convincente di quanto lascerebbe supporre il solo gol messo a segno dagli agognini, che soprattutto nella ripresa hanno legittimato la vittoria davanti ad una formazione, quella di Talarico, ancora a metà del guado per presentarsi pronta all'avvio ufficiale della stagione, datato per domenica 2 settembre.

Il gol è arrivato nel primo tempo grazie alla pregevole giocata del furetto Edoardo Secci, che ha capitalizzato al 38' una delle poche palle gol create dalle due squadre nei primi 45' di gioco. Il pallino del gioco è stato quasi sempre nelle mani dei rossoblu ospiti che hanno però faticato a fare breccia nell'attenta disposizione difensiva degli ossolani, già marchio di fabbrica del tecnico novarese anche nella precedente esperienza al Città di Verbania. Mai pericolosa però la Juventus Domo in area avversaria se non con una conclusione di Bini che non ha sorpreso Tornatora.

Anche nella ripresa il trend si è ripetuto, se possibile con ancora più predominanza territoriale dei novaresi che hanno creato gioco ma senza grandi occasioni da rete. Solamente in pieno recupero il portiere domese Lattanzio ha tirato un sospiro di sollievo nel vedere la conclusione scagliata dal solito Secci cogliere il palo esterno sfiorando il gol del raddoppio.

JUVENTUS DOMO-ACCADEMIA BORGOMANERO 0-1

Rete: 38' Secci.

Juventus Domo: Pavesi, Akhtiankin, Soncin, Zois, Gualandi, Falcioni, Tonsi, Alliata, Bini, Scaramozza, Viscomi. Entrati nella ripresa: Lattanzio, Righetti, Pesce, Pecci, Malvicini, Piana, Suppa, Trunfio, Santin. All. Talarico.

Accademia Borgomanero: Tornatora, Pici, Ottina, Leto Colombo, Andersson, Moia, Poi, Manfroni, Beretta, Secci, De Bei. Entrati nella ripresa: Piras, Salice, Donia, Silva Fernandes, Monzani, Giovagnoli, Cabrini, Colombo, Agyei. All. Ferrero.

Carmine Calabrese