Il Borgolavezzaro di Coppa conosce solo la parola "vittoria"

Il capitano ceranese Spampati
Il capitano ceranese Spampati

La differenza l'ha marcata la categoria, con il Borgolavezzaro più pronto a sfruttare le pieghe della partita per portare dalla sua parte l'esito dell'incontro. Con il successo sul Virtus Mulino Cerano la squadra di Rimola segna un vantaggio importante in classifica, con sei punti conquistati nelle due gare giocate a fronte di avversarie che, seppur scese in campo una sola volta, sono ancora a quota zero. Per i ceranesi di Bonalumi quello di Coppa è stato l'esordio assoluto, ad esclusione naturalmente delle amichevoli: c'è ancora tanto da lavorare per i gialloneri ma si cominciano ad intravedere individualità da seguire in un campionato, quello di Terza categoria novarese, che si prospetta quest'anno tutt'altro che agevole.

Difesa da rivedere Ci mette qualche minuto di troppo un Borgolavezzaro già scottato dalla falsa partenza in campionato a prendere le misure alla squadra di casa che, sfruttando anche l'entusiasmo della prima volta, ci tiene a fare bella figura al cospetto di un avversario di valore. Quando però la squadra di Rimola riesce a trovare le posizioni giuste in cui provare ad affondare, per i padroni di casa sono dolori e cominciano gli ondeggiamenti in fase difensiva; al 12' Mesiti addomestica un lancio dalle retrovie facendo la torre per Capogreco la cui conclusione, debole, non spaventa Iaquinta, un minuto dopo la difesa di casa si perde nuovamente l'attaccante novarese che filtra in area ma non riesce a girare verso lo specchio ceranese. Il Virtus Mulino vive delle accelerazioni prodotte da Gennaro, l'elemento di maggior classe della compagine di casa che qualche volta pecca però di troppo compiacimento, e al 20' il fantasista ceranese arriva a rimorchio sul radente di Capraro ma trova una conclusione sì angolata ma con poca potenza, che Ubezio accompagna in angolo; lo stesso Gennaro al 29' si fa metà campo palla al piede prima di scaricare su La Spisa che libera al tiro Bisignano, la palla termina sul fondo. Al 35' però l'ennesima folata del Borgolavezzaro risulta vincente: Mesiti appena entrato in area dal lato sinistro vola platealmente a terra, nella confusione la sfera sfila verso Capogreco che di prima serve l'accorrente Santin che trova il diagonale vincente. Il Virtus Mulino va in barca, al 41' Torres si fa scippare da Mesiti che trova Capogreco, il tiro sorvola di poco la traversa; miglior sorte per il Borgolavezzaro al 43' Santin spara nel mucchio dalla sinistra un pallone che buca l'intera difesa e raggiunge Capogreco che, dimenticato da tutti, sigla il raddoppio. Al 44' potrebbe esserci gloria anche per Mesiti ma l'attaccante, a tu per tu con Iaquinta, trova una superlativa risposta del portiere che limita così il passivo.

Storico gol Raggiunto l'obiettivo del doppio vantaggio, Rimola opera fin dall'avvio della ripresa alcuni cambi per risparmiare qualche uomo in vista del campionato, senza peraltro cambiare le sorti dell'incontro. E' infatti ancora il Borgolavezzaro a sfiorare la terza rete al 3' con una punizione di Marsigliante da posizione defilata che termina la propria corsa incocciando contro il palo. Il Virtus Mulino dà segnali di risveglio al 9' con Capraro, la cui conclusione finisce alle stelle, ma è al 11' che Capone fa la storia della matricola ceranese con una conclusione da distanza siderale che, leggermente deviata, spiazza Ubezio regolando la prima rete ufficiale alla squadra di Bonalumi. Partita riaperta? Solo sulla carta perché a 17' l'incursione di Santin, sul quale Iaquinta si produce in ottima uscita, carambola beffardamente sul viso di Sgarbossa prima di terminare la sua corsa in fondo al sacco e ristabilire le distanze. Al 20' prova a iscriversi a referto anche Roda con una conclusione diagonale che termina però lontano dai pali di casa. Grandi proteste ceranesi al 23': Guaschino cintura in maniera evidente La Spisa in area, il rigore è solare ma il direttore di gara, forse impallato, non vede. L'ultima emozione la regala Mesiti al 31', l'attaccante taglia bene in area ma al momento di concludere sbuccia il pallone, con Iaquinta che può così salvarsi in angolo.

VIRTUS MULINO CERANO-BORGOLAVEZZARO 1-3

Reti: 35' Santin (B), 43' Capogreco (B); 11'st Capone (V), 17'st aut. Sgarbossa (B).

Virtus Mulino Cerano (4-2-3-1): Iaquinta; Spampati, Torres, Sgarbossa, Capone; Capraro (22'st Brunacci), Moro; Siguenza, Gennaro, La Spisa (30'st Mutto); Bisignano (14'st Callerio). A disposizione: Iannello, Limonetti, Baratto, Cassini. All. Bonalumi.

Borgolavezzaro (4-3-3): C. Ubezio; Corà, Guaschino, Roda, Pezzullo; Rassè, Ruffini (1'st Prina), Santin (28'st Caresana); Capogreco (1'st Gandini), Marsigliante (7'st L. Ubezio), Mesiti. A disposizione: Paralovo, Martella, Guerrera, Bricco. All. Rimola.

Arbitro: Curcio di Novara.

Note: Ammoniti Sgarbossa e Gennaro per il Virtus Mulino Cerano, Santin, Corà e Mesiti per il Borgolavezzaro.

Carmine Calabrese