Scalabrini spegne gli ardori: "L'Armeno deve fare punti per salvarsi"

Il tecnico dell'Armeno Scalabrini
Il tecnico dell'Armeno Scalabrini

Ha perso l'Armeno, questo è il dato di fatto che rimane dopo la gara con l'Oleggio Castello dai cui la squadra granata è uscita sconfitta con un vistoso 3-0. Ma sul piano del gioco la squadra di mister Scalabrini non ha demerito, costruendo soprattutto nel primo tempo le occasioni per far male agli avversari: "Ci capita spesso di prendere gol per errori nostri - commenta con amarezza il tecnico - i primi due gol oleggesi sono arrivati da nostre disattenzione e quando con una squadra forte e attrezzata per vincere il campionato come l'Oleggio Castello concedi due reti in questa maniera poi recupera diventa durissima. Ci è mancata un po' di grinta in alcune fasi della partita, quella stessa grinta che abbiamo invece messo in campo in altre gare".

La squadra ha però iniziato la stagione come meglio non avrebbe potuto, iscrivendo il proprio nome tra quelle che sono state capaci di inserirsi nelle lotte di vertice. Un avvio del genere probabilmente se lo aspettavano in pochi e fa nascere la domanda su dove quest'Armeno potrebbe effettivamente arrivare a fine stagione: "Noi non possiamo fare discorsi di vertice - si schermisce il tecnico - è dal 21 agosto che il nostro obiettivo è conquistare al più presto i 30 punti che servono per la salvezza. Poi a dicembre ci guarderemo intorno per capire come siamo messi e quale potrebbe davvero essere il nostro destino: fin qui abbiamo fatto molto bene e la classifica ottima che l'Armeno ha in questo momento deriva proprio da questa partenza. Ma non dobbiamo guardare in alto perché ora avremo in rapida successione a partire da giovedì Varzese, Crodo e Quaronese che sono tra le squadre più attrezzate del nostro girone: dopo queste tre partite forse avremo un quadro più chiaro di dove potrebbe arrivare l'Armeno".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:ARMENO