Fanelli accigliato a fine gara: "Mancati nella gestione della partita"

Umberto Fanelli
Umberto Fanelli

L'espressione di rammarico che a fine partita fa capolino sul viso di Umberto Fanelli, tecnico del Dormelletto sconfitto in casa dal Piedimulera, dice già molto sulla delusione per un successo smarrito nel finale di gara, con la squadra in superiorità numerica e già con le mani sui tre punti. Un rovescio che punge ancora di più nell'orgoglio i lacuali per come è venuto, con i locali puniti su due calci da fermo che con un po' più di attenzione di sarebbero potuti evitare: "Mi rode molto aver preso questi due gol su palla inattiva - commenta il tecnico di casa - perché secondo me avevamo fatto una buona partita di sacrificio; l'unica cosa che rimprovero ai ragazzi è il fatto di non aver saputo gestire la partita con un uomo in più. Siamo stati fortunati a trovare subito il gol in avvio di ripresa ma a quel punto dovevamo gestirla meglio, abbassando i ritmi e sfruttando meglio un campo che, in queste condizioni complicate, ci favoriva rispetto ad una squadra che sapevamo essere più tecnica di noi".

La lucida lettura di Fanelli si spinge ad analizzare anche l'atteggiamento iniziale della sua squadra, che ha concesso troppo campo agli avversari nel primo tempo: "Non abbiamo cominciato la gara come facciamo di solito, la mia è una squadra che si spinge alta a prendere gli avversari sia in casa che fuori casa; siamo partiti leggermente timorosi e oggi abbiamo pagato le assenze di Castelli, che dà esperienza ad un gruppo pieno di giovani, e la miglior condizione di alcuni elementi come De Paoli che per noi fanno la differenza".

La classifica in linea di massima cambia molto poco dopo l'ennesima giornata che avrebbe potuto essere una svolta per la lotta per evitare i playout e che invece lascia aperto ogni discorso in virtù di risultati cristallizzati. Per il Dormelletto non era forse la gara con il Piedimulera quella giusta per trovare preziosi punti salvezza anche se ogni domenica bisogna lottare per muovere anche di poco la classifica: "Sapevamo che questa sarebbe stata una gara molto difficile - ammette Fanelli - anche perché il Piedimulera ha una squadra che palleggia bene in mezzo al campo e con individualità che sono molto superiori rispetto alle nostre. Avevo avvertito i ragazzi che ci saremmo dovuti sacrificare molto per cercare di portare almeno un punto a casa: certo, per come si stava mettendo il risultato fino alla fine ci abbiamo creduto poi la punizione finale, che voglio rivedere perché non ho ben capito com'è stata concessa, ci ha punito oltre misura".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:DORMELLETTO