Franzini si tiene il pareggio: "Punti importanti su campi difficili"

Arnaldo Franzini
Arnaldo Franzini

Secondo pareggio consecutivo in trasferta per il Piacenza di Arnaldo Franzini, lo 0-0 di Novara segue quello con identico punteggio di Pisa. Ma sono due pareggi che in casa emiliana vengono accolti con favore perché arrivati sui campi di due nobili decadute che, seppur lontane dalla vetta, avrebbero dovuto lottare per le zone nobili del campionato. "Il Novara era un avversario complicato - dice il tecnico biancorosso - per cui dico che a parte i primi minuti della partita i miei ragazzi hanno prodotto una prova di spessore e di carattere, obbligando i nostri avversari a creare poco o nulla tranne, per assurdo, negli ultimi minuti quando eravamo in superiorità numerica. Non siamo stati bravi nell'ultimo passaggio, nell'ultimo cross, ma abbiamo creato i presupposti per fare male, arrivando tante volte nei pressi dell'area del Novara. Questo è un passo avanti rispetto alla prova di Pisa, credo che alla fine dei conti il pareggio sia stato il risultato giusto".

Il timore che a Piacenza c'era per queste due trasferte lo si avverte, palpabile, dalle parole di soddisfazione del proprio allenatore per due punti che forse allontanano la squadra dalla vetta ma che permette agli emiliani di uscire indenne da un tour de force da far tremare i polsi. "Erano due trasferte da bollino rosso - conferma Franzini - Pisa e Novara sulla carta non possono essere così distanti da noi. Abbiamo giocato contro due formazioni che contro di noi si giocavano tantissimo, buona parte delle residue speranze di rientrare nel gruppetto di testa, e siamo stati bravi ad uscire con punti da questi due campi. Ci sarà tempo per tornare alla vittoria, già dalla prossima gara, anche se noi la vittoria la cerchiamo in tutte le partite: torniamo a giocare in casa e sarà il momento ideale per ritrovare i tre punti".

Interrogato sulle possibilità del Novara di rientrare nel gruppo che si giocherà la vittoria del raggruppamento A, Franzini è tranciante nel togliere ogni speranza alla compagine azzurra: "Credo che ormai sia un po' complicato per il Novara riuscire a rientrare nella lotta per il primo posto, ci sono tanti scontri diretti ma le squadre da superare sono tante. Noi stessi siamo in zona ma sappiamo che sia Pro Vercelli che Virtus Entella sono attrezzate meglio delle altre e in più sono già nei primissimi posti con alcune gare da recuperare rispetto a tutte le altre. E' vero che si deciderà molto nel mese di marzo ma pensare che così tante squadre abbiano un crollo verticale per permettere a qualcuno di rientrare da dietro onestamente lo credo improbabile".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:PIACENZA