Oggi ti presento: Simone Montani

Approfittando della pausa dovuta alla difficili condizioni meteo che hanno indotto il Comitato Regionale piemontese a sospendere tutta l'attività ufficiale e, di conseguenza, dando il là ad un'innumerevole serie di amichevoli per riempire gli spazi lasciati liberi dal campionato, la rubrica settimanale del nostro match analyst Mirco Vecchi sconfina per la prima volta in Promozione dove finisce sotto la lente di ingrandimento il centrocampista omegnese Simone Montani, classe 2000 da tempo al centro dell'attenzione del calcio dilettantistico provinciale che proprio domenica ha calcato il sintetico di Santa Cristinetta con il suo Omegna per affrontare l'Accademia Borgomanero.

La neve e il maltempo sono stati i protagonisti incontrastati dello scorso week-end calcistico; la grande nevicata che ha colpito il Piemonte ha costretto la Federazione a rinviare l’intero turno di campionato ma nonostante le intemperie climatiche la nostra rubrica non si è fermata e coglie l’occasione delle amichevoli che si sono svolte domenica per fare tappa in Promozione, precisamente in casa dell’Omegna dove gioca Simone Montani, centrocampista classe 2000 dal futuro promettente.

In questi due anni ho avuto modo di seguire da vicino la crescita calcistica del giovane rossonero avendo avuto modo di visionarlo parecchie volte dal vivo nella scorsa stagione e l’amichevole tra Accademia Borgomanero e Omegna che si è svolta domenica 3 febbraio è stata l’occasione per vedere i progressi del giovane Under.

Cresciuto nel settore giovanile del Riviera d’Orta, Montani da qualche stagione è ad Omegna dove prima si è messo in mostra nelle categorie giovanili per poi approdare in pianta stabile in prima squadra. Nella scorsa stagione Montani ha fatto il suo esordio in Promozione e, partita dopo partita, il classe 2000 è riuscito a ritagliarsi sempre più minutaggio nella rosa omegnese fornendo ottime prestazioni condite anche dal primo gol tra i "grandi". Dopo un'annata convincente al debutto, in questa stagione Montani ha saputo confermarsi ad alti livelli: nonostante gli avvicendamenti tecnici avvenuti sulla panchina rossonera il classe 2000 ha dimostrato tutta la sua duttilità tattica diventando un titolare inamovibile sotto la gestione di Gherardini e confermandosi giocatore importante anche durante la guida-Pettinaroli.

Alto circa 175 centimetri, baricentro basso con muscolatura ben sviluppata e strutturata, mediamente veloce negli scatti ed in progressione, rapido nelle giocate, dimostra grande reattività ed è dotato di straordinaria resistenza fisica, nettamente superiore alle media, e di grande forza esplosiva.

Equilibrio e mobilità nella media, flessibile e bravo ad orientare il corpo, dimostra abilità nell’anticipazione dei movimenti, fluidità e velocità nel dare grande ritmo alle giocate. Destro naturale, utilizza poco il piede debole; dotato di un tiro potente, propositivo in fase di sviluppo, dispone di precisione nei passaggi e buona visione di gioco. Fantasia motoria nella media e un'ottima rapidità di passo lo rendono pericoloso anche nell’uno contro uno.

Dal punto di vista tattico Montani è un mezzala che può essere utilizzata sia sul centrosinistra che sul centrodestra; nella passata annata è stato schierato come trequartista e in quella posizione aveva il ruolo di collante tra i reparti e ricopriva molto bene sia la fase offensiva che soprattutto quella difensiva marcando a uomo il regista avversario, lasciandogli poco spazio d’azione e di pensiero. All’occorrenza è stato impiegato anche come terzino destro dimostrando così tutta la sua duttilità tattica e la disponibilità al sacrificio per il bene della squadra.

Da mezzala si dimostra un centrocampista di quantità e qualità: il classe 2000 macina chilometri per tutto l’arco dei novanta minuti, lascia spesso l’impostazione a compagni più navigati come Valsesia e Cabrini ma sa farsi trovare pronto in fase di sviluppo e in zona di rifinitura, migliorando in questa stagione anche la sua predisposizione agli inserimenti in fase di finalizzazione. In fase di non possesso Montani eccelle come recupera-palloni, deciso nei tackle e nei contrasti, sempre pronto ad avventarsi sulla seconda palla. Il suo stile di gioco è fatto di corsa, grinta, lotta, sacrificio e determinazione, con concentrazione il giovane Under è sempre pronto a lottare centimetro su centimetro con l’avversario di turno.

All’inizio della stagione le ambizioni cusiane erano quelle di primeggiare in classifica ma infortuni, incomprensioni e cambi in panchina hanno reso travagliata l’annata dei rossoneri che ora stazionano a due punti dalla zona play-off e con la ripresa del campionato sulla panchina dell’Omegna farà il suo esordio il navigato ed esperto Marco Mellano. L’obbiettivo del nuovo mister e della società e quello di centrare i play-off e per farlo, siamo certi, il tecnico darà importanza e continuità al giovane Montani.

Cresciuto molto nelle ultime due stagioni calcistiche, in quest’annata il classe 2000 risulta essere tra i migliori Under della Promozione; ora Montani si appresta a terminare al meglio il campionato in corso cercando di togliersi più soddisfazioni possibili sia a livello di squadra che personale. Noi di "IamCalcio" siamo inoltre certi che in estate saranno molte le squadre di Eccellenza pronte a bussare alla porta dell’Omegna per chiedere informazioni sul giovane talento rossonero ormai maturo e pronto per cimentarsi con una categoria superiore.

 

Mirco Vecchi

Leggi altre notizie:OMEGNA
Simone Montani
Simone Montani