Thriller regolamento, al Torino la sfida salvezza

Le ragazze sesiane cadono a Torino
Le ragazze sesiane cadono a Torino

Siamo arrivati quasi a metà febbraio e ancora non si conosce il regolamento inerente le retrocessioni del campionato di Serie C. Già questa è una stranezza. La partita di ieri a Pianezza sarebbe dovuta essere uno scontro salvezza in piena regola, se non fosse che nessuno ha chiaro chi retrocede, chi disputa un eventuale playout, chi è salvo senza appendici.

Detto questo, il Romagnano, privo di Di Piero e di capitan Giannetti, cade per 2-1 contro il Torino. Di fatto un tempo a testa, ma probabilmente le locali hanno fatto qualcosa in più soprattutto a livello di aggressività e convinzione. La squadra di Marenco è partita forte, tanto che solo la bravura di Gallo ha limitato il passivo nella prima frazione. Poi il Romagnano ha finalmente iniziato a prendere in mano il gioco, ma rendendosi pericoloso solo nei minuti finali. La strada verso la permanenza in categoria si fa complicata, anche se il pareggio tra Caprera e Luserna va visto come il bicchiere mezzo pieno. Ora ci saranno due incontri interni proibitivi con Novese e Real Meda, poi il 3 marzo la trasferta di Caprera, a questo punto decisiva.

A Pianezza il Torino parte forte e al 4' la difesa sesiana si addormenta sul rinvio di Malosti, Rodriguez si presenta a tu per tu con Gallo e la fredda con un pallonetto. Pochi minuti dopo un dubbio intervento col braccio di Ravelli nella propria area induce l'arbitro a decretare un rigore per le padrone di casa: sul dischetto si presenta Tamburini, ma Gallo è prodigiosa e neutralizza la minaccia. Il Romagnano prova a scrollarsi, ma al 15' Malosti si fa trovare pronta sulla conclusione di Puricelli, ben imbeccata da Rovereti. Al 19' si materializza il raddoppio: le ragazze di Sacchi reclamano un fallo a centrocampo, il Torino riparte velocemente e la palla perviene ancora a Rodriguez che, ben appostata, segna il 2-0. Prima del riposo Gallo tiene aperto il match con una bella parata su tiro della solita Rodriguez. Nella ripresa è un altro Romagnano, se non altro a livello di volontà. Manca però sempre lo spunto vincente in attacco e a poco servono gli ingressi degli attaccanti Veronese e Briasco. Al 39' deve pensarci Cervellin, entrata da pochi secondi, a ribadire in rete una doppia respinta di Malosti in seguito alla punizione di Lo Russo. Ma è l'ultimo acuto di un match che lascia un po' amaro in bocca.

TORINO-ROMAGNANO 2-1

Torino: Malosti, Lombardo, Stobbia, Rinero, Malara, Aghem, Tamburini (6'st Zappone), S. Borello (38'st Cagnasso), Rodriguez, Stokan, Crisantino (1'st Gonnet). A disposizione: Salvati, Valente, Bonafe, Ajgoura. All.: Marenco.

Romagnano: Gallo, Lomazzi, Ravelli (1'st Veronese), Lanza (1'st Milanaccio), Scalcon, R. Borello, Betlamini, Lo Russo, Puricelli (39'st Cervellin), Pella, Rovereti (22'st Briasco). A disposizione: Brancaglion, Piolini. All.: Sacchi.Arbitro: Aldi di Reggio Emilia.

Reti: 4' Rodríguez (T), 19' Rodríguez (T), 40'st Cervellin (R).

Note: All'8' Gallo para un rigore a Tamburini (T). Ammonita Stokan.

Ufficio Stampa Romagnano Femminile

La Redazione

Leggi altre notizie:ROMAGNANO FEMMINILE