Testa il nuovo Dg della Sparta: "Zanardi punto fermo per ripartire" - I AM CALCIO NOVARA

Testa il nuovo Dg della Sparta: "Zanardi punto fermo per ripartire"

Sandro Testa
Sandro Testa
NovaraPromozione

E' tornato il sereno in casa Sparta Novara dopo un'estate che ha fatto seriamente temere la sparizione della storica franchigia bianconera. Ora in casa novarese c'è un nuovo progetto societario con a capo ancora il presidente Roberto Bellardone, che però sarà affiancato presto da altri imprenditori che hanno deciso di dargli una mano dal punto gestionale ed economico; persone che, pur essendo ancora in disparte, entreranno presto anche nell'organigramma societario. "Nonostante le iniziali trattative che miravano alla cessione - conferma il neo direttore generale Sandro Testa il presidente Bellardone ha infine deciso di rimanere al timone della società facendo rientrare tutti i timori relativi alla sopravvivenza della Sparta Novara. Questo perché in questa nuova avventura è stato affiancato da amici e persone che gli hanno garantito la possibilità di andare avanti con una certa solidità societaria. Sappiamo tuttavia di dover ripartire con la necessità di colmare il grande ritardo creatoci da questo mese e mezzo di tira e molla, che porterà non poche problematiche nella costruzione della squadra della prossima stagione e che ci ha già sfavorito portandoci via due giocatori importanti come Alessio Scarlata e Michele Mattioni, che in questo periodo di stallo hanno preferito andare altrove. Per fortuna tutto il resto della rosa è stato confermato della società, nonostante alcuni giocatori abbiano avuto anche delle richieste importanti da altre squadre, che ha voluto dare così un segnale profondo circa la volontà di proseguire la propria avventura sportiva".

Tante voci in effetti sono girate attorno ai nomi, soltanto per citarne due, di giocatori come Davide Repossini e Simone Asole che il Dg Testa conferma essere rimasti nei quadri bianconeri: "Da parte nostra questi sono giocatori incedibili, abbiamo già parlato con i ragazzi e sanno che lo Sparta Novara punterà su di loro anche per la prossima stagione. Sono calciatori di nostra proprietà e la priorità della società in questo momento è quella di riconfermare tutti i giocatori che fanno parte del suo tabulato".

Alla guida della squadra, per il sesto anno consecutivo, è stato confermato Paolo Zanardi, altro segno di continuità che i bianconeri hanno voluto far trapelare all'esterno: "La presenza di Zanardi è secondo me un segnale forte lanciato dalla società - continua Testa - così come quella del suo vice Grigatti, anche in considerazione del lavoro svolto nelle ultime stagioni che ha permesso alla squadra di mantenersi in linea di galleggiamento in Promozione. Ci sarà anche un direttore sportivo, figura che sarà ricoperta da Gianfranco Mazzitelli, e assieme seguiremo il mercato per la prossima stagione, tanto che già la prossima settimana saranno probabilmente annunciati i primi arrivi: stiamo cercando 3/4 giocatori esperti per accrescere il livello del nostro organico e programmare una stagione che sia meno difficoltosa di quella vissuta nella scorsa stagione nel solo girone di ritorno, perché nel girone d'andata la squadra aveva fatto un ottimo campionato. Per quanto riguarda invece i giocatori dello Sparta in prestito altrove, Borruto e Delfino sono stati riscattati dal Sizzano e resteranno laddove hanno già giocato anche quest'anno, mentre il 2001 Stangalino che è tra i ragazzi più promettenti del nostro settore giovanile è vicinissimo al Bulé Bellinzago".

Per quanto riguarda il settore giovanile poco cambierà perché Fallai resterà il responsabile dell'agonistica mentre Dellanoce continuerà a seguire la Scuola Calcio, come già successo nel recente passato. "L'unica perdita dolorosa a livello societario è quella di Pierangelo Zani, di cui sono amico da tanti anni e del quale sarò chiamato a ricoprire di fatto le funzioni, anche se Zani e la società sono rimasti in buonissimi. Rimane un vanto per la società, un vero e proprio fiore all'occhiello, quello di avere tutte e quattro le società dell'agonistica ai Regionali e di avere dato un nostro giovane ragazzo, Niccolò Bianchi classe 2003, al Novara: Bianchi verrà inserito nell'Under 17 che l'anno scorso ha vinto il campionato e questo per la società è un motivo d'orgoglio perché certifica che il lavoro a livello giovanile porta dei frutti". 

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:SPARTA NOVARA