Coronavirus-Italia 53.578 casi e 4.825 morti. Bollettino del 21 marzo - I AM CALCIO NOVARA

Coronavirus-Italia 53.578 casi e 4.825 morti. Bollettino del 21 marzo

Coronavirus 21 marzo 2020
Coronavirus 21 marzo 2020
LecceRubriche

L'aggiornamento sui numeri della pandemia di Coronavirus in Italia con i dati del 21 marzo 2020. I numeri aggiornati sono forniti dalla Protezione Civile e si riferiscono alle ore 18.00. Vediamo quindi qual è la situazione nel nostro paese ad oggi.

I DATI IN ITALIA - In Italia da quando è iniziata l'epidemia di Coronavirus, sono 53.578 le persone che hanno contratto il Virus, 4.821 nuovi infetti in più rispetto al dato di ieri. Di queste 4.825 sono decedute con un incremento di 793 rispetto a 24 ore fa e 6.072 sono guarite(+943 rispetto a ieri). Attualmente i soggetti positivi, quindi esclusi decessi e guarigioni, sono 42.681.

I DATI NEL MONDO - Tra le nazioni dove la diffusione sta crescendo più velocemente ci sono gli Stati Uniti, che in pochi giorni sono arrivati a toccare quota 21.852 casi. Ieri nello stato di New York è scattato il lockdown, mentre il sindaco della Grande Mela, De Blasio, ha lanciato l'allarme sulla carenza di dispositivi adatti ad affrontare l'emergenza, secondo i calcoli nel giro di 2-3 settimane la più grande città americana avrà esaurito tutto il suo equipaggiamento medico. Intanto un membro dello staff del vicepresidente degli USA, Mike Pence, è risultato positivo al virus. La situazione sta diventando sempre più critica anche in Spagna: i casi totali hanno superato quota 25.000 con un incremento di quasi quattro mila casi nelle ultime 24 ore. In Corea del Sud i dati continuano ad essere altalenanti, nelle ultime 24 ore si è tornati a registrare 147 nuovi casi, rispetto al giorno precedente in cui si era scesi sotto i 100. Il totale è 8.799 con 8 morti(totale 102). Ancora una volta la Cina registra zero casi interni, ma ora la lotta è quella sui contagi importati: nell'ultimo giorno si registrano 41 nuovi casi per un totale di 269. In Austria si registrano 276 nuovi infetti, per un totale che adesso è di 2.664. In Belgio 558 nuovi casi e il totale che quota 2.815 contagiati. In Portogallo si sono decise misure molto restrittive, nelle ultime 24 ore i casi sono cresciuti di 200 unità(1.280 totali), preoccupa il numero di decessi che è praticamente raddoppiato in un giorno. Impennata di contagi anche in Svizzera(6.113 totali). La situazione resta difficile anche in Iran con 123 decessi nell'ultimo giorno e con un totale contagiati pari a oltre 20 mila.

CHIUDETE TUTTO, SI MOLTIPLICANO GLI APPELLI - Le richieste di totale chiusura arrivano al Governo, ormai, da più parti. I primi a chiederlo in mattinata erano stati diversi medici di Brescia: "Aumentano sempre più i giovani contagiati. E' finito il momento di uscire, bisogna stare a casa e va chiuso tutto". A seguire questo appello anche 243 sindaci della provincia di Bergamo: "E' arrivato il momento di fermarci, ma per davvero, confidiamo in voi. Al momento riteniamo che l'adozione di coraggiosi nuovi provvedimenti restrittivi possa rappresentare l'unica e auspicabile soluzione per una tragedia che sembra oggi, con i contagi che aumentano inesorabili, non avere fine". Nel pomeriggio anche l'Ordine dei medici del Piemonte ha inviato una lettera al governo: "La situazione è grave: nei prossimi giorni sarà drammatica. Vi preghiamo di intervenire con urgenza per permetterci di affrontare l'epidemia, che nelle nostre città prosegue il suo diffondersi con valori esponenziali. Metteteci nelle condizioni di poter fare il nostro lavoro. Siamo allo stremo".

IN ARRIVO 3 MILIONI DI MASCHERINE - La Farnesina ha comunicato che sono in arrivo oggi circa 3 milioni di mascherine. Nel dettaglio 1,5 milioni dalla Cina(con 100 ventilatori polomonari), 1,2 milioni arriveranno dall'Egitto, 40 mila dall'India e 1 milione dalla Russia. Le fonti della Farnesina spiegano che il materiale verrà recuperato con l'impiego di mezzi dell'aeronautica militare.

Qui i dati delle Protezione Civile aggiornati giorno per giorno in Italia, per Regione e Provincia.

Matteo Pagano