La Sparta punta sulla "novaresità", crescono le ambizioni bianconere - I AM CALCIO NOVARA

La Sparta punta sulla "novaresità", crescono le ambizioni bianconere

Pescarolo, uno dei nuovi arrivati
Pescarolo, uno dei nuovi arrivati
NovaraPromozione Girone A

Cambierà molto nella prossima stagione alla Sparta Novara, non la voglia di migliorarsi e di salire ancora più su nella considerazione che ha negli anni conquistato militando in Promozione. Alla guida della formazione bianconera non ci sarà più Paolo Zanardi, che ha chiuso un ciclo durato oltre un quinquennio che ha riportato la Sparta in Promozione, e al suo posto la dirigenza novarese ha puntato forte sul "nuovo che avanza" affidando la panchina ad un debuttante come Euplio Lo Russo.

Un debuttante sui generis però perché, come ricorda il direttore generale Sandro Testa, Lo Russo ha già maturato una buona esperienza: "Conosco bene il ragazzo e l'anno scorso l'ho visto lavorare sul campo per cui credo sia giusto aprirsi a questa nuova ondata di allenatori, dare loro delle chance, soprattutto in un periodo come quello che abbiamo appena vissuto in cui c'è anche la necessità di ottimizzare i costi. Non è però un salto nel buio perché abbiamo puntato su un ragazzo che è comunque un diplomato Isef, che ha vissuto alcuni stage con una società importante come il Milan arricchendo il suo bagaglio personale. In più conosce benissimo la categoria per averci giocato tanti anni quindi siamo fiduciosi".

Anche perché la rosa della Sparta Novara non è stata smontata, andando ad operare quasi di fioretto nelle posizioni che avevano bisogno di un intervento: "Sono rimasti i giocatori più rappresentativi di questa squadra - continua Testa parlando di mercato - da Blanda a Petrone, da Accordino a Rogora, permettendoci di fare poche operazioni in entrata. Fino a questo momento abbiamo concluso solamente con tre giocatori, Luca Zuliani dall'Oleggio, Fabio Pescarolo dal Bulé Bellinzago e Matteo Guarlotti dal Borgolavezzaro mentre sul fronte partenza, oltre a Cavagnetto, abbiamo lasciato libero Zanotti e la coppia Sposito-Martelli tornerà a Borgovercelli per fine prestito. Sul fronte dei più giovani c'è una trattativa aperta con l'ex Ro.Ce. per il classe 2002 FulcoBattaglia andrà in Prima categoria alla Turbighese così come Basilico, classe 2000, che è stato preso dal Borgolavezzaro".

Una squadra che garantisce continuità, quanto meno sul campo, non può non cominciare a nutrire anche qualche ambizione ponendosi come obiettivo quello di un'ulteriore crescita: "Sappiamo tutti in che condizioni siamo partiti l'anno scorso - puntualizza il dg spartano - in mezzo a tante difficoltà. Quest'anno la musica è diversa, se nella scorsa estate eravamo a zero quest'anno possiamo dire di aver almeno fatto la prima rampa di scale: il nostro progetto rimane quello di partire sempre da una base giovane dando spazio a tanti giovani del nostro settore giovanile, tutti ragazzi di Novara che arrivano a vestire la casacca della Sparta con grosse motivazioni. Crediamo nella "novaresità", nelle motivazioni di chi difende i colori della propria zona per costituire uno zoccolo duro che sarà il punto di partenza nella costruzione di una squadra che cercherà di dire la propria in un campionato in cui abbiamo dimostrato di poterci stare: sono stati fatti dei sacrifici per confermare i nostri giocatori più richiesti proprio per poter competere con tutti ad armi pari, rispettando tutti ma facendoci anche rispettare. In questo periodo tante squadre nutrono ambizioni importanti, noi vogliamo dare il nostro segnale che sarà quello di una squadra che cercherà di rendere la vita difficile a tutti quanti".

Carmine Calabrese