Briga, Ramazzotti è lapidario: "La Sparta ha meritato di vincere" - I AM CALCIO NOVARA

Briga, Ramazzotti è lapidario: "La Sparta ha meritato di vincere"

Glauco Ramazzotti, tecnico del Briga
Glauco Ramazzotti, tecnico del Briga
NovaraPromozione Girone A

Nel posticipo di domenica sera il Briga è andato a sbattere contro una squadra in questo momento più brillante, che ha meritato di vincere una gara dominata dal punto di vista del ritmo e dell'intensità, oltre che sul piano del gioco. Una presa di coscienza che non fa difetto al tecnico agognino Glauco Ramazzotti, che riconosce i meriti dell'avversario senza minimizzare: "Mi spiace che chi ha visto la partita di Arona e non quella di Vigliano possa essersi fatto un'idea sbagliata di un Briga che ha semplicemente trovato davanti una Sparta che ha saputo metterlo in difficoltà sul piano dell'intensità. Non bisogna però togliere i meriti ai nostri avversari sminuendo la nostra prestazione, la Sparta ha fatto meglio del Briga in questi 90': noi non siamo stati brillanti come al solito, avremmo dovuto affrontare i nostri avversari con la giacca e invece li abbiamo affrontati con la maglietta, e non possiamo permetterci contro nessuno e men che meno contro una squadra così frizzante e vogliosa di non giocare al massimo delle nostre possibilità. La Sparta ha dimostrato di avere un entusiasmo e un ritmo che noi non abbiamo avuto ma che un Briga attento, concentrato ed umile avrebbe dovuto saper fronteggiare; detto questo non ci siamo esaltati dopo la buona prestazione contro il Vigliano e allo stesso modo non dobbiamo demolirci dopo questo passaggio a vuoto".

Non è sicuramente ancora il momento di dare giudizi definitivi su una squadra, ovviamente il Briga, che sta vivendo ancora di prestazioni altalenanti com'è forse prevedibile all'inizio di una stagione che si preannuncia combattuta ed equilibrata e su questo linea il tecnico non è preoccupato di non vedere ancora una squadra brillante come la vorrebbe: "La qualità dell'organico del Briga è stata arricchita molto durante l'estate con l'innesto di giocatori che ho fortemente voluto e da questi giocatori mi aspetto molto; però bisogna dare tempo a tutti di mettersi alla pari con chi è qui da qualche anno anche a livello di conoscenza del nostro sistema di gioco e questo non mi desta preoccupazione, sarei preoccupato se vedessi una squadra piatta e che non cresce. Avremmo potuto fare di più? Certo che sì, alleno un gruppo forte ed ambizioso che però deve esserlo sempre, non una partita ogni tanto".

Un punto in due giornate, seppur con un calendario non certo benevolo dal punto di vista degli accoppiamenti, non è certo la partenza che a Briga ci si attendeva per questa stagione anche se Ramazzotti se la cava con una battuta: "Sicuramente siamo partiti meglio che due anni fa, quando di punti ne abbiamo fatti zero nelle prime giornate... A parte gli scherzi le squadre vanno affrontate tutte prima o poi, noi dobbiamo solamente credere nelle nostre potenzialità perché in questi momenti diventa troppo facile perdere la bussola; io so perfettamente quello che possono fare questi ragazzi e anche se non amo dare punti di arrivo so di avere a disposizione un organico importante e di qualità. Nel calcio è un attimo finire sulle montagne russe o sull'altalena, noi sappiamo di dover rimanere umili e ne ho già parlato con i ragazzi, continuando a lavorare come stiamo facendo ora ci toglieremo sicuramente delle soddisfazioni".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:BRIGA Promozione Girone A