Virtus Villa, Massoni è scontento: "Ho visto una squadra presuntuosa" - I AM CALCIO NOVARA

Virtus Villa, Massoni è scontento: "Ho visto una squadra presuntuosa"

Daniele Massoni, Virtus Villa
Daniele Massoni, Virtus Villa
VcoPrima Categoria Girone A

Come già successo nella scorsa stagione il campo della Sanmartinese non è fortunato per il Virtus Villadossola che dal match in terra novarese trae un complicato pareggio come quello dell'anno scorso. Un risultato che gli ossolani hanno faticato a portare a casa, complice la buona prova offerta dagli avversari ma anche un atteggiamento sbagliato come sottolinea il tecnico Daniele Massoni"E' una costante, gare come quelle con la Sanmartinese il Virtus Villa le ha sempre sbagliate anche nella scorsa stagione, perché questa squadra ha la tendenza, che diventa poi un problema, a dare troppo cose per scontato quando si trova a giocare delle partite sulla carta più semplici; e succede spesso che quando dai qualcosa per scontato poi gli episodi girano in maniera negativa. In buona sostanza credo che questo sarà un campionato più complesso per la mia squadra perché cambia partire a fari spenti come successo nella scorsa stagione o da favorita com'è invece capitato in quella in corso e la gara con la Sanmartinese sta lì a dimostrare che dobbiamo migliorare prima di tutto partendo da noi stessi, per evitare di cadere in errori già visti anche prima che il campionato fosse fermato a causa del Covid-19".

Ha colpito in negativo l'umore generale vissuto domenica all'interno dello spogliatoio ossolano, dove anche i rapporti tra compagni di squadra sono stati vissuti con grande nervosismo, palesatosi poi anche all'interno del campo di gioco. Un segno, per Massoni, che ancora una volta condanna l'atteggiamento della squadra nell'affrontare una partita del genere: "Ci è successo in campionato di giocare gare anche molto tese come quella di Feriolo, in cui la squadra ha saputo unirsi nelle difficoltà per raggiungere un obiettivo comune affrontando momenti anche complicati, un gruppo che ha lavorato e sofferto insieme arrivando alla fine ad ottenere il risultato. Poi capitano queste partite in cui ci si presente presuntuosi e allora anche il commento del compagno diventa fastidioso e genera una reazione che fa precipitare la situazione. Percorrendo la strada della presunzione queste cose capitano e non devono più succedere".

C'è anche un motivo positivo però per ricordare la sfida con la Sanmartinese, ossia il raggiungimento da parte di Matteo Primatesta di un obiettivo che a livello dilettantistico ha forse pochi eguali, quello dei 500 gol in carriera. Un traguardo che Massoni ci tiene a celebrare con parole al miele rivolte al suo bomber: "Vorrei parlare prima del ragazzo che del giocatore, perché chi conosce davvero Matteo sa che persona sia e credo che il raggiungimento di questo traguardo sia la logica conseguenza di come lui lavora durante la settimana, dell'attenzione che pone nella sua preparazione; solamente per sottolineare questo ti dico che Primatesta è il giocatore della nostra rosa che più si allenato da solo nel periodo Covid e questo fa capire che razza di mentalità abbia. Poi c'è il calciatore e mi rende orgoglioso che io gli ho visto fare, giocando per una squadra allenata da me, il gol 300 e il gol 500: in mezzo ci sono altri 200 gol e credo che si meriti di essere celebrato come uno dei migliori cannonieri del nostro calcio dilettantistico. Gliel'ho già detto, lo lascerò smettere solamente quando arriverà a 550 quindi preparatevi a vederlo ancora per almeno altre due stagioni".

Carmine Calabrese

Prima Categoria Girone A

ClassificaRisultatiStatistiche