Seconda categoria, nasce l'ambiziosa Pro Novara - I AM CALCIO NOVARA

Seconda categoria, nasce l'ambiziosa Pro Novara

Mister e dirigenza con alcuni dei nuovi
Mister e dirigenza con alcuni dei nuovi
NovaraSeconda Categoria

Il 2021-22 porterà in dote una nuova franchigia al calcio dilettantistico novarese, la Pro Novara. Un progetto ambizioso, che partirà dalla Seconda categoria dopo aver acquisito il titolo sportivo della Juvenzo giunta al termine della propria parabola, ma che ha in essere i germi di un approdo nel calcio che conta nel giro di pochissime stagioni.

Una volontà fortemente espletata dall'amministratore delegato Paolo Pugliese che, in accordo con Massimo Olivieri che ricoprirà la carica di presidente del nuovo sodalizio, parla già di categorie più importanti rispetto alla Seconda: "Partiremo da qui perché avevamo bisogno di un titolo sportivo per dare il là a questa avventura ed abbiamo raccolto quello lasciato libero della Juvenzo, subentrando anche nel rapporto con il Comune per ottenere la gestione pluriennale della struttura di Vignale. Ma l'obiettivo è quello di andare molto lontano e il nome è stato scelto proprio per quello, per puntare a diventare la seconda società del capoluogo novarese dopo, appunto, il Novara. L'obiettivo è di arrivare il prima possibile in quegli scenari che ho già vissuto con il Vigevano in un'altra mia esperienza nel mondo calcistico, quindi crescere sia sotto l'aspetto infrastrutturale con un fitto dialogo con le istituzioni cittadine e l'Assessore allo sport, che da quello sportivo mettendo in campo un settore giovanile che possa dare lustro e linfa anche alla prima squadra".

L'ubicazione a Vignale, luogo storico per il calcio novarese il cui centro sportivo, benché presenti un passato glorioso, avrebbe bisogno di nuova vita non è certo casuale per una società che punta ad entrare nel tessuto profondo della città. "Vogliamo riportare in questo stadio i fasti di quello che è stato, facendo sì che nel giro di pochi anni la Pro Novara venga vista come società di riferimento. Ci vorrà un po' di tempo, lo sappiamo, anche perché partiamo dal basso ma la Seconda categoria nelle nostre intenzioni deve essere solamente un passaggio già in questa stagione, dove l'obiettivo è quello di vincere, così come proveremo a vincere la Coppa Piemonte per creare un nome a questa nuova squadra e anche per togliermi una soddisfazione solamente sfiorata quando ero alla guida del Tornaco: stiamo allestendo una rosa importante con giocatori che hanno quasi sempre giocato almeno in Prima categoria e in Promozione per riuscire a tenere fede a quella che sarà la tabella di marcia stagionale e se siamo consapevoli che in Coppa in partite secche può succedere di tutto, in campionato non possiamo accettare un secondo posto".

Entrando nel dettaglio, quali saranno i protagonisti che vestiranno la nuova maglia della Pro Novara (già scelti i colori sociali, saranno il bianco e l'azzurro)? Partiamo dal tecnico, con la squadra che sarà affidata a Benedetto Scarpinato, che rientra così nel calcio dopo alcune stagioni alla finestra in attesa di un progetto nel quale gettarsi a capofitto. I nomi dei giocatori danno però la giusta dimensione di quella che sarà una corazzata per la Seconda categoria, perché hanno già detto sì a questa nuova avventura calciatori come Giordano Bisesi, che ritorna nel Novarese dopo alcune stagioni in provincia di Pavia con Lomello e Mortara, Fabio Tugnolo, attaccante simbolo del Trecate dal quale sono stati presi anche il portiere Nicholas Scarlatti e i difensori Luciano CarforaJacopo Immucci Alberto ComparelliDajan Dodaj Zaccaria Maglione dall'Olimpia Sant'Agabio, con l'ultimo che sarà accompagnato anche dal fratello Marco che che ha chiuso la sua avventura milanese con la Turbighese, il centrocampista Luca Cavaliere dal Borgolavezzaro e Ovidiu Costescu, terzino rumeno per anni pilastro proprio del Vigevano. Una rosa che sarà completata con alcuni giovani e con alcuni dei ragazzi che hanno fatto parte dell'avventura della Juvenzo.

"Sono contento di essere rientrato nel calcio dalla porta principale - commenta il neo tecnico Scarpinato - soprattutto dopo il brutto periodo legato al Covid-19 che abbiamo vissuto tutti quanti. Cercherò di mettere tutta la mia passione in questa nuova avventura anche per ringraziare l'Ad Pugliese e il presidente Olivieri che mi hanno voluto alla guida di questa squadra: sappiamo di dover essere ambiziosi, anche perché stiamo costruendo una squadra con giocatori che non hanno nulla a che fare con questa categoria, e questo significa che per la Pro Novara il capitolo Seconda categoria deve essere un trampolino di lancio verso altri campionati. Ci sono ovviamente delle incognite, io per primo non ho mai allenato in questa categoria, e siamo consapevoli che la Seconda categoria novarese storicamente non è mai stata una categoria facile ma il calcio a tutte le latitudini è sempre lo stesso, voglia, determinazione e spogliatoio sono le armi che ti danno quel qualcosa in più per raggiungere gli obiettivi".

Per una squadra esperta, con tanti giocatori over 30, assumerà ancora più importanza il periodo di preparazione che sarà denso di incognite per tutte le formazioni, che vengono da una stagione abortita quasi sul nascere. "Ci faremo trovare pronti - è sicuro Scarpinato - e per questo cercheremo di partire il prima possibile anche se dobbiamo attendere le nuove disposizioni che riportino tutto alla normalità anche per quanto riguarda l'attività fisica. Ci stiamo mettendo tutti a disposizione anche con i giocatori per trovare le soluzioni più giuste e cominciare quanto prima, sicuramente avremo bisogno di una buona preparazione anche per trovare l'assetto di squadra: la Pro Novara sarà tra le prime a scendere in campo".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:PRO NOVARA Seconda Categoria