Scoppola di Coppa, il Trecate si riscopre vincente - I AM CALCIO NOVARA

Scoppola di Coppa, il Trecate si riscopre vincente

Carfora apre la goleada trecatese, 0-1
Carfora apre la goleada trecatese, 0-1
NovaraCoppe

E' stata un'estate di profondo rinnovamento quella appena conclusa per il Trecate, che ha salutato tanti protagonisti di esperienza delle ultime stagioni per abbracciare un nuovo gruppo che cominciasse un percorso diverso e che comprendesse al suo interno tanti giovani cresciuti nel settore giovanile biancorosso. Erano dunque leciti i dubbi della vigilia anche perché i passaggi non sono mai semplici e possono comportare periodi più o meno lunghi di transizione; dubbi prontamente spazzati via dalla prima uscita ufficiale della squadra di Cotta Ramusino che ha colto a Comignago un risultato eclatante nel primo turno di Coppa Piemonte Prima categoria. Un risultato frutto sicuramente della pessima giornata vissuta dagli avversari ma anche delle qualità espresse dal Trecate che conferma il buon lavoro compiuto negli ultimi mesi dalla società e di poter essere una delle possibili protagoniste del prossimo girone A della Prima categoria.

Senza storia Tante le assenze che attanagliano i padroni di casa che si presenta in campo con un inedito 3-5-2 in cui trovano posto i giovani Fede e Tropeano, entrambi classe 2002 arrivati in estate dalla Vergiatese, e l'ex Armeno di scuola aronese Di Iasio; in attacco spazio a Mantoan e Masciaga che puntano sulla velocità per fare breccia nella difesa trecatese guidata dal "veterano" Pagani. Molte le novità in casa Trecate con Cotta Ramusino che affida il centrocampo a Golfetto per avanzare da trequartista l'ex Oleggio e Dormelletto Zoccheddu. Gli ospiti partono fortissimo prendendo subito in mano le redini della gara per mettere a ferro e fuoco la trequarti avversaria già dai primissimi minuti; un paio di occasioni di Carfora non sono fortunate ma al 3' è una conclusione di Zoccheddu ad essere intercettata con il braccio da Minniti in piena area di rigore: la massima punizione è inevitabile, dal dischetto si presenta Carfora e per Martini non c'è scampo. Il vantaggio non frena i biancorossi che anzi accelerano ulteriormente, al 15' ancora Carfora cerca la girata dal cuore dell'area ma la palla si impenna; passano due minuti e l'onnipresente attaccante da pochi passi ma in precario equilibrio timbra il palo. Il Comignago è frastornato e al 24' basta una prepotente discesa di Bersezio che brucia la fascia sinistra per pescare Zoccheddu che, tutto solo, non ha problemi a piazzare la rete del raddoppio. Per i padroni di casa è buio pesto ma al 32' Notte chiude sul secondo palo raccogliendo di testa un pallone che l'esterno spedisce sul fondo. Un episodio, perché al 43' il Trecate timbra per la terza volta con Abouzeid, bravo a sfruttare uno svarione di Dapena per involarsi a tu per tu con Martini che non può nulla. Ancora Carfora al 45' con una girata bassa prova a cogliere in castagna il portiere di casa che risponde presente ma quando al 46' proprio Notte sotto misura sfrutta un'imbeccata di Mantoan per battere Chiovenda si ha la sensazione di poter ancora assistere ad una gara nella ripresa.

Resa incondizionata La stessa sensazione probabilmente di Mastromonaco, che rivoluziona la squadra inserendo in un colpo solo Meleleo, Harka e Calone cambiando modulo senza tuttavia ottenere gli effetti sperati. Perché, seppur a ritmi più bassi, è il Trecate a continuare a menare le danze e a mietere reti sfruttando il potenziale che i novaresi ottengono dalla panchina quando ad alzarsi sono, in rapida serie, Stefanino, Roma ed Apicella. Al 10' Martini è costretto a salvare uscendo a valanga sui piedi dell'indiavolato Jabbie lanciato a rete, al 20' è la girata volanta di Abouzeid in bello stile a perdersi di poco sul fondo. Sarà l'ultima giocata del positivo giovane attaccante che lascia il posto all'ex Dufour Apicella, che diventerà un fattore della ripresa trecatese. Al 31' strappa applausi la perfetta punizione di Zoccheddu che si spegne contro l'incrocio dei pali a Martini inesorabilmente battuto, un minuto dopo è quasi incomprensibile l'annullamento per fuorigioco della rete di Jabbie che tocca il diagonale di Carfora in posizione regolare. Carfora al 34' manda fuori di un soffio una rasoiata diagonale ma il Trecate si rifà pochi secondi dopo quando Apicella parte sul filo dell'offside rendendo vano il tentativo di recupero della difesa di casa: 1-4. La partita è irrimediabilmente chiusa ma non per il Trecate che al 37' vara l'ennesima fuga di Apicella che approfitta del forfait di Dapena, vittima poi di crampi, per fare il vuoto ed armare il piattone vincente di Carfora. Meleleo cerca la soddisfazione personale direttamente su punizione ma è il palo esterno a fermare la battuta dal limite dell'attaccante (42') per un Comignago nemmeno fortunato e che al 46' deve abbassare nuovamente la testa di fronte al fendente da posizione defilata di Apicella che chiude il pomeriggio "horribilis" della compagine di Mastromonaco.

COMIGNAGO-TRECATE 1-6

Reti: 3' Carfora rig. (T), 24' Zoccheddu (T), 43' Abouzeid (T), 46' Notte (C); 35'st Apicella (T), 37'st Carfora (T), 46'st Apicella (T).

Comignago (3-5-2): Martini; Fede, Dapena, Minniti (1'st Harka); Notte, Tropeano, Di Iasio (33'st Parianotti), Omarini (1'st Meleleo), Maioli (1'st Calone); Mantoan, Masciaga (36'st Ndiaye). A disposizione: Mian, Ragazzoni. All. Mastromonaco.

Trecate (4-3-1-2): Chiovenda; A. Iacometti (21'st Stefanino), Pagani, Bricco (42'st F. Iacometti), Bersezio; Molinari (24'st Roma), Golfetto, Jabbie; Zoccheddu (38'st Argirò); Carfora, Abouzeid (24'st Apicella). A disposizione: Annoni, Gjoka, Zaccone, Parrilla. All. Cotta Ramusino.

Arbitro: Pirazzi del Vco.

Note: Ammoniti Minniti per il Comignago, Bricco e Golfetto per il Trecate.

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:COMIGNAGO TRECATE Coppe