Gli acuti di Bianchi consegnano la Coppa Promozione al Dormelletto - I AM CALCIO NOVARA

Gli acuti di Bianchi consegnano la Coppa Promozione al Dormelletto

Dormelletto in festa con la Coppa
Dormelletto in festa con la Coppa
NovaraPromozione

Era l'obiettivo stagionale del Dormelletto, arrivare in fondo al percorso per l'assegnazione della Coppa Piemonte di Promozione. Un obiettivo maturato strada facendo, quando era ormai chiaro che la squadra di Marco Poma aveva perso il treno per giocarsi il campionato dopo un avvio sfavillante, con la carrozze occupate da Briga e Città di Cossato che fino alla fine si sono giocate il salto di categoria.

Le ultime settimane della compagine lacuale sono state rivolte essenzialmente alla rincorsa della finale di Venaria Reale, conquistata con merito da un gruppo che ha saputo imporre il proprio gioco anche a compagini forse meglio strutturato rispetto ai novaresi ma con meno voglia di arrivare. Una finale in cui Vezzù e soci hanno trovato il Pedona Borgo San Dalmazzo, mettendo in campo tutte le proprie energie fisiche e mentali per riuscire a ribaltare una partita che sembrava sfuggire di mano, vincendo con merito con una ripresa da incorniciare.

La gara Meglio i cuneesi nella prima frazione, che la squadra di Zappatore riesce a chiudere anche in vantaggio grazie al gol nei minuti finali siglato da Dalmasso, certamente il più pericoloso tra i "bianchi" per la difesa del Dormelletto. Proprio Dalmasso al quarto d'ora era stato fermato dalla traversa anche se un eventuale gol sarebbe stato comunque annullato per il fuorigioco dell'attaccante borgataro. In una gara molto bloccata a livello tattico, sono le giocate dei singoli a fare la differenza e alla mezz'ora Capetta di deve superare per alzare il muro sulla girata di Peano, imbeccato al meglio da un corner del solito Dalmasso. C'è però anche il Dormelletto in campo ed è Vezzù a far correre un brivido sulla schiena di Porqueddu con una precisa punizione sul quale il portiere cuneese arriva per la deviazione in angolo (41'); pochi secondi dopo l'urlo di gioia dei novaresi al gol siglato di testa da Andrea Bianchi, abile a girare in porta una punizione calciata dalla trequarti, viene smorzato dalla bandierina dell'assistente che segnala la posizione irregolare del difensore del Dormelletto. E dal danno alla beffa perché pochi istanti prima del riposo proprio Dalmasso, ritrovatosi a tu per tu con Capetta, consegna al Pedona il vantaggio al termine dei primi 45'.

Bianchi la ribalta Il gol subito all'ultimo tuffo, che potrebbe abbattere un toro, è in realtà una benedizione per i novaresi che, senza più nulla da perdere, nella ripresa tornano in campo senza più freni e determinati a giocarsi tutte le proprie carte per ottenere il trofeo. La migliore di queste è rappresentata da Chicco Bianchi che impegna subito Porqueddu con un diagonale velenoso. La difesa cuneese fatica a contenere le folate dell'attaccante che parte spesso il linea con l'ultimo difensore del Pedona e al 6' l'ennesima sortita vale il pareggio, con l'attaccante bravo a liberarsi di Tucci prima di non lasciare chance al portiere. Tutto da rifare per il Pedona che ci riprova di testa con Barbero, palla alta, e con una punizione di Dalmasso al 20' su cui Capetta trova l'insperata collaborazione di Pepino che spedisce alle stelle il tap-in ma è la serata dei novaresi che vanno prima vicino al gol vittoria con la bomba di Vezzù dalla distanza che Porqueddu disinnesca in due tempi e poi con il pezzo di bravura di Bianchi che raccoglie al volo una sventagliata dalle retrovie spedendo alle spalle del portiere cuneese e dando inizio alla festa di un Dormelletto che ha sicuramente meritato di riportare a casa questo trofeo.

DORMELLETTO-BORGO SAN DALMAZZO 2-1

Reti: 45' Dalmasso (B); 6'st F. Bianchi (D), 35'st F. Bianchi (D).

Dormelletto (4-3-3): Capetta; Montagnese, A. Bianchi, Vacirca, Agyei; Albanese (25'st Martelli), Lazzarini, Baghdadi; Vezzù, Rossoni (39'st Rossi), F. Bianchi. A disposizione: Lepore, Curioni, Zardi, Passarella, Bizzaro, Cascione. All. Poma.

Pedona Borgo San Dalmazzo (4-3-3): Porqueddu; Barbero (31'st Petris), Bruno (37'st Trocello), Tucci, Maccario; Peano, Gastaldi, Pallara; Dalmasso, Pepino, Rizzo (42'st Boniello). A disposizione: Gazzera, Macagno, Calleri, Bergia, Torta, Penna. All. Zappatore.

Arbitro: El Amil di Nichelino.

Note: Ammoniti Agyei per il Dormelletto, Gastaldi per il Pedona Borgo San Dalmazzo. La gara è stata giocata al "Don Mosso" di Venaria Reale.

Carmine Calabrese