Pernatese promossa, Anversa: "Io allenatore di una squadra fantastica" - I AM CALCIO NOVARA

Pernatese promossa, Anversa: "Io allenatore di una squadra fantastica"

Diego Anversa, guida della Pernatese
Diego Anversa, guida della Pernatese
NovaraSeconda Categoria

Che le cose semplici non piacciano alla Pernatese l'ha dimostrato anche il percorso compiuto dalla formazione novarese nell'ultima fase di questa stagione, dovendo arrivare fino al secondo minuto di recupero dell'ultima partita della seconda fase per poter finalmente festeggiare la promozione in Prima categoria. Una promozione che però, forse anche per questo sentiero tortuoso, risulta ancora più bella e regala grandi soddisfazioni a tutto lo staff tecnico granata, a cominciare da quel Diego Anversa che, partito allenatore della squadra, ha dovuto ripiegare su un ruolo più defilata ma non per questo meno incisivo: "E' vero che alla Pernatese le cose facili non vanno a genio perché se escludiamo i due anni quasi persi a causa del Covid-19, anche quattro anni fa per conquistare la promozione abbiamo dovuto compiere un difficile percorso nei playoff, obbligati sempre a vincere dalla posizione di partenza in classifica; io però sono sempre stato fiducioso perché ho visto i ragazzi allenarsi bene anche in questo ultimo difficile mese, sempre presenti e con la testa giusta. Il risultato che stava maturando a Recetto mi stava lasciando un po' di amaro in bocca perché sembrava che tutto il nostro sogno costruito in questa stagione stesse svanendo poi questa palla capitata al nostro bomber Soncini che davanti al portiere non sbaglia mai ci ha regalato una gioia immensa che si merita anche lui, visto che ha annunciato che questa sarebbe stata la sua ultima partita".

E' stata una vittoria di gruppo quello della Pernatese, a cominciare dalla società fino a scendere ai tecnici e ai giocatori sul campo che hanno sempre creduto di poter conquistare questo traguardo. "E' una vittoria di tutti e per questo mi permetto di ringraziare chi magari viene citato meno, come Fabio Venegoni che è stato il mio mister in seconda in questa stagione, come Erman Tota che è l'allenatore dei portieri di questa squadra fino ad arrivare a Saimon Bernardini che è sempre stato vicino alla squadra in ogni momento, non facendo mai mancare la sua presenza soprattutto nei momenti di difficoltà. Siamo riusciti a fare veramente gruppo soprattutto quando in mezzo a mille problemi siamo rimasti uniti e nel vincere all'ultimo minuto dell'ultima partita credo non ci sia niente di casuale".

E' stata una stagione particolarmente difficile anche per lo stesso Anversa che nel corso della stagione ha subito un esposto per la mancanza del patentito che non gli dava diritto a stare in panchina e per questo ha dovuto vivere il campo alla domenica quasi da spettatore, ricoprendo nominalmente la carica di dirigente accompagnatore: "Uso una parola forte ma penso che chi mi ha fatto questo esposto dovrebbe un po' vergognarsi perché non esiste che in un campionato di Seconda categoria si vada a cercare queste cose. Però voglio togliermi qualche sassolino dicendo che questa squadra l'ho guidata io assieme a Soncini, che la formazione l'ho sempre scelta io ma che alla fine abbiamo vinto tutti assieme perché non ho bisogno di mettermi in primo piano, anzi sono i ragazzi che sono scesi in campo dimostrando di meritare la Prima categoria. Io posso solo dire che in quattro anni in questa società ho ottenuto la promozione in Seconda, ho vissuto due anni di Covid con la squadra che si è classificata prima e quinta e quest'anno, con due squadre come Cameri e Pro Novara che sicuramente avevano qualcosa più di noi, abbiamo guadagnato ugualmente la Prima categoria vincendo anche una Coppa provinciale: penso che il bilancio finale sia buono ma anche che tutto questo non sarebbe stato possibile senza l'abnegazione di ragazzi che sono arrivati a fine giugno con quaranta gradi a correre come il primo giorno".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:PERNATESE Seconda Categoria