Vezzù-Capacchione-Gessa, il tris sul tavolo dell'Arona - I AM CALCIO NOVARA

Vezzù-Capacchione-Gessa, il tris sul tavolo dell'Arona

Gessa torna ad Arona
Gessa torna ad Arona
NovaraCalcioMercato Dilettanti

Gli infortuni, si sa, sono spesso decisivi ai fini del conseguimento del risultato e possono indirizzare in maniera positivo o meno una stagione. Un assunto che conosce e comprende bene l'Arona, che nel campionato 2021-22 ha dovuto pagare pesantemente dazio alle assenze dei propri calciatori, non riuscendo a spiccare il volo dopo un primo terzo di stagione vissuto nelle posizioni di vertice.

Forse anche per questo la dirigenza lacuale ha deciso di confermare praticamente in toto il gruppo degli "over" anche per la prossima stagione, scegliendo di continuare a puntare per la quota giovane sul proprio settore giovanile, tra i più floridi dell'intero panorama novarese. Ma senza disdegnare neanche l'inserimento dei puntelli necessari a rendere ancora più competitiva la formazione affidata al confermato Enrico Ragazzoni. Nomi di livello per la Promozione, che andranno a puntellare il reparto di centrocampo ed attacco, come quelli di Mattia Vezzù, prelevato dal Dormelletto e già nei radar dei "cugini" aronesi anche nella scorsa stagione quando l'accordo che sembrava già fatto è sfumato all'ultimo momento, Filippo Capacchione, uomo-mercato cercato da molti che lascia il Bulè Bellinzago per provare la nuova avventura sul lago Maggiore e Luca Gessa, cavallo di ritorno ad Arona dopo l'esperienza vissuta con la Sparta Novara.

"Abbiamo voluto confermare tutta l'ossatura di una squadra - commenta il Direttore Generale Antonio Notte - che bene ha fatto nel corso della scorsa stagione a partire dal tecnico e dalla dirigenza. Giocatori come Lika, Valsesia, Tornatora, Mattioni, Giroldi possono ancora dare molto all'Arona ed aiutare a far crescere la squadra e i tanti giovani di cui possiamo disporre con molti 2004 che hanno vinto quest'anno l'Under 18 e che verranno inseriti in pianta stabile nella rosa della prima squadra. A questi abbiamo voluto aggiungere gli elementi giusti per rendere ancora più competitiva una squadra che, nella nostra opinione, già lo era nella stagione appena conclusa e che senza gli infortuni avrebbe avuto almeno una quindicina di punti in più".

Con queste premesse in casa biancoverde si cercherà di alzare l'asticella seppur con la consapevolezza che la Promozione del prossimo anno presenterà ai nastri di partenza compagini che puntano senza nascondersi ad un ruolo di primissimo piano in campionato: "Sono stati compiuti acquisti mirati - continua ancora Notte - proprio per non farci trovare impreparati ad un campionato difficile e con l'intenzione di lottare per le posizioni di vertice. Mercato finito? Non abbiamo necessità impellenti ma c'è ancora tantissimo tempo per cui se ci sarà ancora qualche possibilità di migliorare la squadra lo faremo sicuramente".

Carmine Calabrese