Esordio al "Fortina e Zanolli", tra Oleggio e Accademia è parità - I AM CALCIO NOVARA

Esordio al "Fortina e Zanolli", tra Oleggio e Accademia è parità

Un frammento della gara
Un frammento della gara
NovaraEccellenza Girone A

E' grande l'euforia nella domenica che segna l'inizio delle danze della stagione calcistica 2022-2023 per la categoria Eccellenza, giunta dopo una serie di amichevoli servite a stabilizzare gambe e conoscere ruoli e protagonisti delle nuove rose costruite con il caldo estivo e che ora possono finalmente esordire in un derby dal grande interesse, quello tra Oleggio e Accademia Borgomanero.

Il ritorno degli ex E' lo stadio "Fortina & Zanolli" che fa da proscenio alla sfida tra le due squadre che hanno vissuto l'ultima stagione da protagoniste e si ritrovano per ripartire sotto i migliori auspici; tanti gli ex da una parte e dall'altra, frutti di un mercato che ha rimescolato le carte: gli "orange" padroni di casa guidati da mister Ferrero, anche lui un ex, sono reduci dall'eliminazione dalla Coppa patita ai tempi supplementari - a favore dell' RG Ticino - e da una stagione che li ha portati per un lungo periodo di tempo a rimanere nei primi tre posti della classifica, posizione non ricoperta da oltre un ventennio e che è stato il risultato di un team collaborativo e determinato, “frutto di un lavoro valevole e continuativo partito con Dossena, passato per Roano e completato proprio con Ferrero”, queste le parole dell'”ex per eccellenza” Victor Ganci, presenza determinante nella crescita oleggese e ora neo-direttore sportivo dell'Accademia Borgomanero, pronto ad alzare l'asticella delle ambizioni della nuova squadra ma sempre felice di ricordare con passione e rispetto il passato arancione. I borgomaneresi, ospiti di giornata, a loro volta guardano con soddisfazione alla stagione scorsa, in cui hanno raggiunto i playoff, ma non possono perdere di vista il presente in cui hanno dovuto già rinunciare al sogno di Coppa a favore del Briga.

Profumo di derby Fa caldo sul sintetico di Oleggio e le due squadre sono pronte ad affrontarsi in quella che sin da subito si prospetta essere una gara aperta in cui l'antagonismo sportivo diventa l'anima di uno scontro che dalla tribuna è divertente e coinvolgente seguire. Il primo tempo è scandito subito da un'occasione per l'Oleggio che al 2', dopo una rimessa poco precisa dei rossoblu, vede un colpo di testa di Blanda fuoriuscire di un soffio. Al 13' lo stesso Blanda intercetta una palla pericolosa indirizzandola a Marco Oronsaye pronto ad un colpo di testa che cerca la porta uscendo, però, poco più di una spanna dall'obiettivo. Il gol è però nell'aria e sull'azione successiva, quando Tirapelle frana su Marco Oronsaye, il direttore di gara Borghi di Modena concede agli "orange" la massima punizione: l'onore di battere a capitan Caporale, "Orange Boy" per eccellenza, che non sbaglia il colpo mandando i padroni di casa in vantaggio. L'Accademia è pronta a rispondere e al 32' Latta, con un dribbling funambolico, schiva due avversari smarcando Poletti che non spreca: ecco l'1-1. La gara resta accesa, al 38' Galli respinge corto su azione d'angolo ma è pronto a chiudere sulla ribattuta di Antonioli, dopo un calcio d'angolo respinto dal portiere, il pallone arriva ad Antonioli ma Galli è pronto a parare.

La determinazione non basta Esce meglio dagli spogliatoi l'Accademia che al 7', al culmine di una fitta rete di passaggi a centrocampo tra Geno e De Bei, imbecca Latta pronto a colpire quasi a botta sicura ma fermato dall'ennesima segnalazione dubbia del guardalinee che prova l'ira funesta di Molinaro e della tribuna per un gioco troppo spesso interrotto senza motivo. L'azione migliore capita sui piedi di Latta che da ottimo posizione, in piena area di rigore, calcia mancando di poco lo specchio; l'Oleggio fa vibrare gli animidei propri tifosi al 14' quando il pallone arriva a Punzo che con estrema lucidità si gira e prova a calciare, la traiettoria è di poco alta. In rapida successione prima Latta su assist di Casarotti manda di testa poco oltre la traversa (15'), poi con azione quasi simili prima De Bei e poi Marco Oronsaye non trovano la porta (20'). La gara perde di mordente, nel finale c'è lavoro per Barantani che al 40' sventa l'ennesimo tentativo ospite poi è il da poco entrato, al posto del gemello, Kevin Distiso a destreggiarsi bene in area saltando un difensore ma non riuscendo ad eludere l'intervento di Galli che blinda definitivamente la propria porta. Una sfida ad armi pari non poteva che terminare con un punto a testa che premia due squadre che, lasciando a parte gli strascichi polemici rispetto alle decisioni dei giudici di gara, hanno saputo dar vita ad una sfida giocata sul filo del rasoio.

OLEGGIO-ACCADEMIA BORGOMANERO 1-1

Reti: 14' Caporale rig. (O), 32' Poletti (A).

Oleggio: Barantani, D. Disisto (17'st K. Disisto), Zuliani, Punzo (39'st Costa), Salice (1'st Maiorino), Fortis, Blanda, Caporale, Ma. Oronsaye (35'st Pasku), Antonioli (28'st Pescarolo), Fodrini. A disposizione: Garoni, Orsi, Passarella, Mi. Oronsaye. All.: Ferrero.

Accademia Borgomanero: Galli, Casarotti (44'st Cavallaro), Tirapelle, Legnani, Mandracchia, Ballarini, Poletti (49' Gambazza), Di Cesare, Latta, Geno (41'st Scampini), De Bei (20'st Micheletti). A disposizione: Salina, Leon Garcia, D'Elia, Margiotta, Giordani. All.: Molinaro.

Arbitro: Borghi di Modena.

Note: Ammoniti Blanda per l'Oleggio, Di Cesare e Legnani per l'Accademia Borgomanero.

Alice Previtali