Ferrero prende tutto: "Cercavamo la prestazione, arrivati anche punti" - I AM CALCIO NOVARA

Ferrero prende tutto: "Cercavamo la prestazione, arrivati anche punti"

Alessandro Ferrero, tecnico oleggese
Alessandro Ferrero, tecnico oleggese
NovaraEccellenza Girone A

Il successo colto dall'Oleggio nel derby con la corazzata RG Ticino, al di là dei punti in classifica che fanno bene all'avvio non eccezionale degli "Orange", conta soprattutto per ridare morale ed autostima ad una squadra a cui mancava un risultato eclatante per rimettersi in carreggiata e allontanarsi così dalle zone più complicate della classifica. E la soddisfazione con cui è stata colta la vittoria anche da mister Alessandro Ferrero testimonia quanto bene possa fare alla stagione degli oleggesi: "Non avendo cominciato benissimo credo che questo successo con una squadra che ci è superiore e che credo sia superiore anche a tutto il resto del gruppo abbia un valore altissimo per una squadra che ha probabilmente raccolto qualcosina meno di quanto seminato in queste prime giornate di campionato; sono particolarmente contento per la prestazione di gruppo e anche se abbiamo qualche difficoltà di cui eravamo consapevoli l'Oleggio ha dimostrato di poterci essere anche in questa stagione".

Per un'ora, finché la partita è rimasta sul binario della parità numerica, l'Oleggio ha espresso un calcio propositivo mettendo in grande difficoltà la formazione ticinese che ha subito la vivacità messa in campo dai ragazzi di Ferrero. Poi il rosso a Costa ha permesso agli oleggesi di mostrare di essere anche in grado di soffrire, nel momento del bisogno, riuscendo a ridurre al minimo i pericoli creati dagli avversari: "E abbiamo avuto anche due o tre occasioni in inferiorità numerica per poterla chiudere - ricorda il tecnico - quindi credo che questo sia un segnale importante soprattutto per noi, visto che ci era venuta a mancare un pizzico di fiducia. Queste partite ti aiutano a trovare la strada giusta da percorrere, se la squadra gioca con questa voglia, questo agonismo, questa determinazione le soddisfazioni potremo sicuramente togliercele".

Una stagione non partita con il piede giusto va anche analizzata per cercare di correggere la rotta fin dalle primissime uscite. Un lavoro che ad Oleggio è stato fatto e che ha dato frutti nella gara forse più importante: "Con il Settimo siamo partiti bene giocando un buon primo tempo poi in avvio di ripresa abbiamo subito un uno-due che ci ha messo in difficoltà perché il Settimo, squadra fisica, si è abbassato e noi facevamo fatica ad entrare anche se qualche occasione per poterla riaprire l'abbiamo anche avuta. Siamo probabilmente mancati in intensità nelle prime giornate, quella messa in campo con l'RG Ticino; la cercavamo così come, al di là del risultato, cercavamo una prestazione importante: sono arrivate entrambe per cui meglio di così...".

Di questi tempi nella scorsa stagione l'Oleggio veleggiava al vertice, situazione perdurata per quasi l'intera stagione. Capire cosa aspettarsi dagli "Orange" quest'anno è il vero nocciolo della questione che Ferrero prova a risolvere con poche parole: "In questo momento dobbiamo porci come obiettivo quello di rimanere fuori dalle zone pericolose e brutte della classifica; vedremo poi la crescita che potrà avere questa squadra, io credo ci siano ampi margini di miglioramento. Dovrà però essere il tempo a dire dove potrà arrivare questo Oleggio".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:OLEGGIO Eccellenza Girone A