Ponzio, un buon punto: "Più meriti al Fondotoce che demeriti a noi" - I AM CALCIO NOVARA

Ponzio, un buon punto: "Più meriti al Fondotoce che demeriti a noi"

Ponzio, tecnico del Riviera d'Orta
Ponzio, tecnico del Riviera d'Orta
NovaraSeconda Categoria Girone A

Nella sfida giocata al "Manfredi" di Fondotoce il Riviera d'Orta è rimasto in bilico tra un ottimo primo tempo, in cui tanto ha costruito senza peraltro riuscire a concretizzare pagando la pessima giornata dei propri attaccanti, e una ripresa con il fiatone passata a rincorrere l'avversario con la speranza di riuscire a portare a casa almeno un pareggio in una sfida cruciale per la classifica.

Una prestazione tuttavia da leggere nel modo giusto per il tecnico rivierasco Massimiliano Ponzio, che preferisce guardare al bicchiere mezzo pieno di una gara che ha molti aspetti positivi: "Abbiamo sicuramente disputato una buona prima parte di gara in cui, anche senza esprimere il nostro miglior calcio, abbiamo creato tre o quattro occasioni pulite per ottenere il vantaggio che però non è arrivato; credo che ci sia da fare i complimenti anche ai nostri avversari, una buona squadra che ha giocato un'ottima partita riuscendo a metterci in difficoltà. Nella ripresa ci siamo innervositi, abbiamo fatto un po' più di fatica a far girare la palla e ci stava la scelta di provare a non perderla abbassandoci per contrastare i loro attaccanti. Nel complesso credo che vadano dati più meriti alla squadra avversaria che demeriti alla mia per una gara in cui siamo stati capaci di esprimere anche un buon gioco difensivo".

Il credo di Ponzio vira verso la volontà di non gettare mai via la palla ma di provare a giocarla, senza però che questo diventi un dogma imprescindibile e controproducente. Un sano realismo misto alla volontà di creare che si è visto anche a Fondotoce: "Il calcio è spesso interpretazione della partita - il commento di Ponzio - e se è vero che non ci piace mai buttare via la palla e anche normale che quando si è molto pressati e gli spazi sono pochi ci può stare di andare a cercare la punta sulla quale appoggiarsi come abbiamo fatto nel finale di gara. Sono contento di come la squadra si sta esprimendo in questa prima parte di stagione, stiamo facendo un buon campionato cercando anche di lasciare qualcosa alle persone che domenica dopo domenica vengono a vederci".

Il calcio, anche quello dilettantistico, è fatto di obiettivi e questo Riviera d'Orta stanziato al momento in piena zona playoff ha le carte in regola per pensare in grande. "Non so dire in questo momento dove potremo arrivare perché ho per le mani una squadra molto giovane e quindi soggetta a qualche alto e basso, ci sono dei momenti in cui sembriamo una squadra di poter restare là in alto dove adesso siamo e altri in cui perdiamo distanze ed identità rischiando contro qualunque avversario. Credo che prima di tutto dobbiamo pensare a metterci a posto dal punto di vista della salvezza, se poi riusciremo a stare attaccati anche a quelli davanti in un campionato molto equilibrato nessuno si tirerà indietro. Non voglio dare obiettivi troppo alti perché ho paura che se si sbaglia qualche partita poi si fa fatica a lottare anche per quelli più bassi quindi restiamo con i piedi per terra e poi vedremo".

Carmine Calabrese

Seconda Categoria Girone A

ClassificaRisultatiStatistiche