Il realismo di Agostini: "Pensiamo ad ottenere la salvezza" - I AM CALCIO NOVARA

Il realismo di Agostini: "Pensiamo ad ottenere la salvezza"

Daniele Agostini, Gravellona San Pietro
Daniele Agostini, Gravellona San Pietro
VcoPrima Categoria Girone A

Una vittoria sfuggita all'ultimo secondo può essere letta in tanti modi. Come un'occasione sprecata ad esempio, alimentando il rammarico per tre punti che sono svaniti quando ormai parevano acquisiti, o come un passo avanti verso il proprio obiettivo soprattutto se questo non prevede il confronto diretto con gli avversari ma una gara da vincere principalmente con sè stessi.

In casa Gravellona San Pietro il pareggio con l'Union Novara viene accolto con moderata soddisfazione dal tecnico Daniele Agostini, anche se a fine gara è difficile non far trapelare un pizzico di dispiacere per quel successo spentosi nei minuti di recupero, nonostante una gara che per i tocensi presentava molteplici incognite. "Ci teniamo bello stretto il punto guadagnato contro una buona squadra come la Union anche se avevamo fatto la bocca alla vittoria, quando ormai mancava solamente un minuto alla fine della partita. Abbiamo affrontato la partita con una squadra un po' in emergenza ma sapevamo che per trovare la salvezza il prima possibile bisogna passare anche da queste gare per cui aver mosso la classifica resta comunque un aspetto positivo".

Nelle difficoltà il Gravellona San Pietro ha mostrato il carattere, necessario per sopperire alle tante assenze con cui i tocensi si sono presentati al 2023 rendendo le scelte di Agostini quasi obbligate, ancor di più visto che i padroni di casa si sono trovati a dover rincorrere quasi da subito gli avversari. Forse, se qualcosa bisogna comunque imputare alla squadra, bisogna lavorare sull'incapacità mostrata nella ripresa di chiudere una partita che il Gravellona nella prima frazione aveva praticamente messo in ghiaccio: "Purtroppo non siamo una squadra in grado di controllare le partite - confessa Agostini - e questo diventa ancora più evidente quando ci troviamo ad avere in mezzo al campo tutta gente molto giovane. Doveva invece chiuderla perché qualche occasione per farlo l'abbiamo costruita nella ripresa ma non ci siamo riusciti e penso che alla fine l'Union Novara abbia pareggiato meritatamente. Resta il rammarico, è vero, ma la colpa è nostra se non sono arrivati questi tre punti".

Molto lucido nell'analizzare la partita, Agostini non si tira indietro neanche quando gli viene chiesto della posizione in classifica della sua squadra, al momento posizionata in un limbo tra playoff e playout che per una neopromossa resta comunque un risultato di prestigio. Anche perché l'obiettivo resta quello - come ricordato dallo stesso tecnico - di salvarsi il prima possibile: "Fino ad un mese e mezzo fa essere così vicini alla zona playoff ci stava facendo pensare che forse avremmo anche potuto concorrere per qualcosa di più. Poi è arrivato un deciso calo di risultati e siamo tornati subito con i piedi per terra, riportandoci alla consapevolezza di doverci salvare il prima possibile e basta. Abbiamo visto che è dura con tutte, la riprova è stata questa gara con l'Union, e non possiamo prenderci la briga di cambiare i nostri obiettivi in corsa".

Carmine Calabrese

Prima Categoria Girone A

ClassificaRisultatiStatistiche