Momo promosso, Miserotti: "Si può soffrire giocando contro il Villa" - I AM CALCIO NOVARA

Momo promosso, Miserotti: "Si può soffrire giocando contro il Villa"

Claudio Miserotti, tecnico del Momo
Claudio Miserotti, tecnico del Momo
NovaraPrima Categoria Girone A

C'era molto considerazione nel pre-gara verso il Virtus Villadossola da parte del Momo, che ha sempre vissuto la sfida agli ossolani come la gara con la "G" maiuscola e non faceva differenza il fatto che gli ossolani fossero leggermente attardati in classifica in questa stagione perché i valori assoluti - soprattutto in un confronto diretto - hanno ugualmente il loro peso.

I novaresi di Claudio Miserotti hanno però saputo interpretare la sfida sfruttando le proprie armi, impostando una gara difensiva per poi colpire con cinismo e con i numeri dei propri giocatori di categoria superiore anche hanno saputo far la differenza. "Senza nulla togliere al Vogogna che sta guidando il campionato - è il pensiero del tecnico del Momo - ho sempre pensato che il Virtus Villa assieme a noi fosse la squadra più attrezzata per vincere questo campionato per tanti motivi, dai giocatori al carattere che sempre mettono in campo. E infatti abbiamo sofferto per portare a casa questa partita, è inutile negarlo, siamo stati costretti a giocare una partita prettamente difensiva ma siamo riusciti a non far creare loro quasi nulla anche grazie ad una prestazione straordinaria della nostra cerniera difensiva che ha limitato al massimo le loro velleità offensive consentendoci di ottenere un successo che vale tanto in ottica campionato".

Molto della vittoria ottenuta contro il Villa è da ascriversi alla coppia centrale della squadra novarese, con Cupia e Baroni che stanno vivendo una stagione quasi impeccabile e per i quali lo stesso tecnico non esita a spendere qualche parola in più: "Ho modo di vedere questi ragazzi tutte le settimane in allenamento e credo che stiano attraversando un momento di forma straordinario. Non bisogna dimenticarsi che Cupia è un '87 e più di qualcuno intravedeva dei segni di appannamento in lui nelle ultime stagioni mentre in credo che sia ulteriormente migliorato, non tanto a livello tecnico ma proprio dal punto di vista dello strapotere fisico. E con Baroni forma una coppia così affiatata che non ho paura a considerare la coppia migliore non solo del nostro girone ma con pochi eguali in Prima categoria a livello regionale. Non bisogna però dimenticare la prestazioni di chi sta loro attorno, a cominciare da Zouaoui che ha offerto una gara perfetta a livello difensivo sacrificandosi per limitare Martinella, una delle fonti di gioco ossolane, e del reparto avanzato che ha saputo sfruttare le poche occasioni avute per farci vincere la partita".

Sta pesando anche l'intervento sul mercato operato dal Momo che è andato a pescare un giocatore come Brigata, probabilmente il tassello che manca per rendere ancora più armonico il gioco dei novaresi: "In realtà avevamo già in rosa un giocatore che Scalvini che ha fatto veramente bene in questo girone d'andata, togliendoci le castagne dal fuoco in più di un'occasione facendo dei gol importanti e sono sicuro che anche nel prosieguo della stagione sarà ancora molto utile. Brigata però è un giocatore diverso che in rosa ci mancava, anche per garantire delle rotazioni in un attacco che gioca sempre o quasi con le tre punte. Lui sarà l'uomo in più della seconda parte della stagione del Momo, è stato preso non in sostituzione di qualcuno ma per aggiungere numeri e qualità al nostro organico".

Aver vinto con il Virtus Villa in ogni caso porta il Momo a proseguire la sua corsa con la quasi certezza di avere un avversario in meno dal quale guardarsi anche se Miserotti va cauto nell'escludere gli ossolani dalla corsa: "Io guardo prima di tutto al Momo e sono certo che questa squadra fino alla fine si giocherà le sue carte. Per quanto riguarda il Villa è vero che nove punti da recuperare sono tanti ma l'esperienza mi dice che non bisogna calare l'attenzione verso questa squadra perché conosco l'ambiente e anche le qualità del loro allenatore per cui è presto per darli per morti. L'anno scorso ci hanno messo in grande difficoltà nei playoff, giocando una partita bellissima in cui avrebbero forse meritato anche di passare dopo aver vinto una battaglia con la Cannobiese: sono contento di aver vinto e di avere tutto questo vantaggio rispetto a loro ma occhio ad estrometterli troppo presto dalla corsa".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:MOMO Prima Categoria Girone A

Prima Categoria Girone A

ClassificaRisultatiStatistiche