L'Arona paga dazio alla vivacità del Valduggia - I AM CALCIO NOVARA

L'Arona paga dazio alla vivacità del Valduggia

L'inutile rete di Valsesia per l'1-1
L'inutile rete di Valsesia per l'1-1
NovaraPromozione Girone A

E' un Arona per forza di cose diverso quello che si presenta sul sintetico di Santa Cristinetta per affrontare il giovane Valduggia forgiato da mister Ottina, tra le sorprese più abbaglianti della prima fase di campionato del girone A di Promozione. In settimana la società lacuale ha salutato i giovani Bagarotti e Corradino, fulgidi virgulti cresciuti nel settore giovanile ma già stabilmente lanciati in prima squadra da Ragazzoni, ceduti al Milan dove proseguiranno la propria crescita all'interno del settore giovanile rossonero e nel gruppo aronese si sono creati dei buchi ai quali bisognerà porre rimedio a campagna trasferimenti ormai chiusa da tempo. Naturale che ci voglia tempo per creare altri prospetti pronti a prendere il posto di quelli ormai partiti e in questo vuoto di potere ha saputo inserirsi il Valduggia che - con pieno merito - ha conquistato una vittoria di prestigio che proietta i valsesiani in una zona di classifica difficilmente preventivabile agli albori della stagione ma che i valduggini stanno meritando senza remore con l'obiettivo, che non è mai cambiato, di conquistare la permanenza in categoria il prima possibile per poi divertirsi nel tentativo di salire ancora più in alto.

Ritmo alto Con grande realismo Ottina disegna uno schieramento raccolto che punta a sfruttare le fasce per far male ai novaresi, lasciando il solo Tampellini come riferimenti più avanzato a far sportellate nella rabberciata difesa novarese in cui Ragazzoni è costretto a riciclare ancora una volta l'eclettico Giroldi, lanciando Pastore e Margiotta a fare reparto con Maio, arrivato nel mercato invernale dal Vigliano. L'Arona si affida alla verve di Lika e alle geometrie di Valsesia per provare ad impostare ritmo e gara ma al primo affondo è il Valduggia ad approfittare di una difesa mal disposta che scherma in partenza la conclusione di Zoccali che, deviata, inganna Tornatora che non riesce ad arrivare su una sfera altrimenti alla sua portata. E' il 10' e il vantaggio facilita il compito del Valduggia che concede il pallino del gioco agli avversari salvo provare a sfruttare in ripartenza gli spazi che si vanno a creare come al 20' quando Tornatora è costretto a fare da scudo con il corpo al diagonale di Tampellini. Lika è l'anima di un'Arona che prova a cambiare passo e al 21' il cross di Pastore, prolungato a centro area dalla torre di Margiotta, diventa buono per Maio che da posizione defilata non riesce ad inquadrare lo specchio difeso da Xausa. Tra le armi migliori a disposizione dei lacuali il calcio di punizione dello specialista Valsesia che al 25', calciando dal limite e con una barriera probabilmente troppo avanzata, manda il pallone a sbattere contro l'ostacolo guadagnando un angolo sul quale è Gessa ad arrivare con troppo ritardo per la battuta a rete nell'area affollata. Il secondo tentativo di Valsesia alla mezz'ora va vicino al pari con la sfera che sbatte sulla parte alta della traversa a Xausa battuto poi la pressione esercitata dall'Arona porta Gessa a non riuscire ad aggiustare sotto porta un pallone girato di testa da Maio (33'). Il Valduggia prova ad alleggerire la pressione al 39' con una fuga di Monzani che arriva fin sul fondo da dove lascia partire un cross teso sul quale si avventa in tuffo Zoccali, con il pallone che esce di poco alla destra di Tornatora, poi è ancora Arona che chiude il primo tempo in crescendo; al 42' Cavallaro rischia grosso deviando verso la propria porta il cross teso di Sacchi, con il pallone che si perde poco oltre la traversa poi al 44' Valsesia, dalla stessa mattonella sulla quale aveva accarezzato la traversa, aggiusta la mira mandando il pallone nel sette più lontano per l'1-1 con cui le due squadre vanno al riposo. 

Calo fisico Ragazzoni prova a mettere mano alla squadra negli spogliatoi, inserendo Rossi in luogo dell'incolore Pastore, ma al ritorno in campo è la strategia di Ottina - che non tocca alcunché in un undici che ha funzionato quasi alla perfezione - a pagare fin dai primi minuti quando il Valduggia prende campo approfittando dell'appannamento di Lika che non riesce ad essere l'uomo-ovunque che aveva spinto i lacuali nella prima frazione. All'8' Tampellini è lesto ad incunearsi in area tra un nugolo di avversari lasciando partire un traversone pericoloso su cui Mora arriva con colpevole ritardo facendo sfumare l'occasione per il raddoppio che si ripresenta al 16' quando Tornatora può solo smanacciare il fendente di Bertona che giunge nuovamente al numero 7 valsesiano che mastica la conclusione permettendo a Giroldi di salvare miracolosamente sulla linea. La freschezza di Rossi è il binario su cui prova a correre l'Arona, al 17' il neo entrato trova un varco - forse il primo - nell'attenta difesa di casa andando a sbattere contro la decisiva uscita bassa di Xausa che salva la propria porta. E al 23' i giochi si compiono quando l'ennesima incursione lanciata dall'instancabile Bertona viene finalizzata da capitan Alessandro Antonioli che di prima intenzione gira in porta togliendo il tempo all'intervento di Tornatora che nulla può per evitare il nuovo vantaggio giallonero. Tempo per reagire ce ne sarebbe ma a mancare in casa aronese sono le forze, anche perché Romano prima e Negri poi non riescono ad incidere sullo spartito della gara. Al 36' è anzi ancora il Valduggia con il neo entrato Di Iasio a cercare la porta avversaria con una conclusione sul palo più lontano da parte del centrocampista che non ha fortuna; al 41' Romano ha l'idea di estrarre dal cilindro una parabola estemporanea che, se diretta in porta, sarebbe valsa il classico gol della domenica con palla però lontana dai pali valduggini e giusto allo scadere del tempo regolamentare Tornatora dimostra riflessi felini uscendo sui piedi di Mora lanciato a tu per tu col portiere da un'idea geniale di Zoccali, evitando all'Arona un passivo che sarebbe stato troppo pesante per quanto visto sul campo.

VALDUGGIA-ARONA 2-1

Reti: 10' Zoccali (V), 44' Valsesia (A); 23'st A. Antonioli (V).

Valduggia (4-5-1): Xausa; Cerutti, Cavallaro, R. Antonioli, Bertona; Mora, Zoccali, Staccotto (35'st Di Iasio), A. Antonioli, Monzani; Tampellini. A disposizione: Macri, Bovio, Zardi, Medina, Colombo, Scaglia. All. Ottina.

Arona (4-3-3): Tornatora; Mattioni, Rogora, Giroldi, Sacchi; Gessa (25'st Romano), Valsesia, Lika; Pastore (1'st Rossi), Maio, Margiotta (32'st Negri). A disposizione: Bovi, Faso, Latorraca, Lancelotti, Pugliese, Mucchi. All. Ragazzoni.

Arbitro: Saffioti del Vco.

Note: Ammoniti A. Antonioli, Di Iasio, Staccotto e Cerutti per il Valduggia, Gessa per l'Arona. La gara è stata giocata sul sintetico di Santa Cristinetta, Borgomanero.

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:VALDUGGIA ARONA Promozione Girone A