Libertas Rapid, Di Martino: "Pareggio giusto" - I AM CALCIO NOVARA

Libertas Rapid, Di Martino: "Pareggio giusto"

Maurizio Di Martino, Libertas Rapid
Maurizio Di Martino, Libertas Rapid
NovaraTerza Categoria Novara

Un rigore sbagliato al 94' non cancella quanto di buono fatto sul campo del Fara dalla Libertas Rapid del tecnico Maurizio Di Martino; la squadra è prima passata in vantaggio, poi ha subito la rimonta dei locali e ha trovato nel finale il pareggio su punizione con Franzoso, lo stesso giocatore che all'ultimo respiro ha fallito il rigore che avrebbe consegnato la vittoria alla società del Torrion Quartara di Novara.

Parte proprio dal rigore sbagliato nel recupero l'analisi della partita da parte di Di Martino: "C'è sicuramente tanto rammarico per il rigore sbagliato al novantesimo inoltrato, ma secondo me il pareggio ci sta tutto come risultato finale, entrambe le squadre potevano vincere. Noi avevamo assenze importanti come Agnesina e Rossi che non hanno potuto prendere parte alla gara e Ferrara, che è partito della panchina per motivi disciplinari, ma abbiamo fatto comunque bene. Come ci è successo diverse volte durante la stagione abbiamo commesso degli errori di distrazione che possono e devono essere evitati, come nel caso del gol del pareggio del Fara."

La Libertas Rapid viene da una serie di risultati altalenanti che in più di un'occasione hanno fatto perdere punti preziosi in classifica: "Paghiamo spesso l'inesperienza, questo è sicuramente vero, soprattutto se penso ai due punti buttati contro la Polisportiva San Giacomo, dove non siamo riusciti a portare a casa la vittoria nonostante le numerose occasioni a nostra disposizione, o alla partita con il San Rocco, in quel caso condizionata anche dal direttore di gara, che ha pareggiato alla fine. Abbiamo una squadra giovanissima, probabilmente la più giovane del campionato. Oggi, ad esempio, sono scesi in campo due ragazzi classe '05 e tra i nostri titolari ci sono stabilmente ragazzi del 2001, del 2002 e del 2003. Risultati come la sconfitta per 7-1 contro il Cerano, per me la squadra più forte del campionato, sono anche figli di queste nostre pecche a livello mentale, nonostante fino al 3-1 fossimo rimasti in partita. Rimaniamo comunque a -4 dallo Sporting Borgolavezzaro e dai playoff."

È dunque lecito continuare a sperare di accedere alla possibilità di giocarsi la promozione durante la post-season: "Sono onesto e sono convinto che, se i ragazzi continueranno a seguire le mie istruzioni e ciò che cerco di trasmettergli, daremo fastidio fino alla fine. C'è bisogno di grinta, che io metto in campo tutte le partite. Oggi ad esempio ci siamo trovati a cambiare la posizione in campo di diversi giocatori dopo l'infortunio di Greco e i ragazzi hanno lottato nonostante qualcuno di loro, come Simone o Franzoso fossero stati spostati in ruoli non loro. Rispetto all'anno scorso, dove abbiamo alzato la testa solo nel girone di ritorno, in questa stagione stiamo cercando di essere cattivi tutte le partite. Oggi ho fatto i complimenti ai miei giocatori per come hanno giocato, quasi vincendo la gara, però martedì in allenamento gli parlerò con calma e gli spiegherò che le partite si portano a casa con le giocate semplici e che alcuni di loro devono migliorare su questo aspetto. Io ci credo, poi se chi ci precede sarà più bravo onore a loro."

Giorgio Calabrese

Terza Categoria Novara

ClassificaRisultatiStatistiche