Ferri non ha dubbi: "Gargallo, il più è fatto. In Seconda al 99,9%" - I AM CALCIO NOVARA

Ferri non ha dubbi: "Gargallo, il più è fatto. In Seconda al 99,9%"

Sebastiano Ferri, tecnico del Gargallo
Sebastiano Ferri, tecnico del Gargallo
NovaraTerza Categoria VCO

C'è aria di consacrazione in casa Gargallo dopo la netta vittoria che la squadra ha conseguito sul campo della ormai ex prima in classifica, l'Oleggio Castello al quale ha soffiato lo scettro del campionato e - molto probabilmente - anche la promozione diretta in Seconda categoria. Non si lascia andare a facile euforia però Sebastiano Ferri, tecnico dei borgomaneresi, nell'analizzare la sfida che più di ogni altra ha consentito alla sua squadra di firmare un sorpasso che - per quanto fatto vedere nelle ultime settimane dal Gargallo - appare più che meritato: "Non era semplice venire a conquistare questa vittoria su un campo difficile contro una squadra che per tutto il campionato ha guidato la classifica del nostro girone, soprattutto per una squadra molto giovane e poco esperta di questi momenti come la nostra. Però la partita è stata preparata ben in settimana, sapevamo quello che avremmo dovuto fare in campo ed eravamo consapevoli del valore della nostra squadra e credo che la partita giocata a Oleggio Castello, a mio modo di vedere strepitosa, abbiamo chiuso un cerchio. E' stata una vittoria netta che ci permetterà al 99,9% di accedere alla prossima Seconda categoria e di mettere in cascina un altro campionato".

Il Gargallo sapeva che tipo di squadra si sarebbe trovato di fronte e ha lavorato nel modo giusto per sfruttare i difetti di una compagine sicuramente di valore per il campionato ma che ha dimostrato di essere arrivata con il fiato corto al momento cruciale della stagione. "L'Oleggio Castello è squadra che non scopro certo io, conosciamo bene i giocatori di cui è formato ossia tutta gente d'esperienza che però poteva pagare a livello fisico i primi caldi come quelli che abbiamo riscontrato in questa domenica. Abbiamo scelto di attaccarli fin da subito a tutto campo, di sfruttare la velocità di cui siamo in possesso per metterli in difficoltà e la tattica ha pagato perché siamo riusciti a trovare subito i gol che ci hanno permesso di mettere in discesa la partita".

Guardando il calendario, la difficoltà più grande che ancora si staglia tra il Gargallo e la Seconda categoria è forse rappresentata dalla trasferta sul campo dell'Esio alla terz'ultima - penultima per la compagine gialloblù di Ferri - che potrebbe rappresentare anche il momento in cui celebrare il salto di categoria. Il problema, forse, sarà però l'opposto ossia quello di tenere accesa la spia dell'attenzione anche nelle gare sulla carta più semplici ma che possono ugualmente rappresentare delle insidie: "Mi sento fortunato da questo punto di vista - è l'idea di Ferri - perché questi ragazzi sono giovani e ancora non capiscono cosa vuol dire vincere un campionato o vincere questo tipo di partite tant'è vero che negli spogliatoi nessuno sta festeggiando un successo che invece da altre parti farebbe esplodere la felicità. Primi, secondi o terzi, questi ragazzi hanno solo voglia di giocare a calcio e lo faranno anche nelle gare che rimangono. Sarà compito mio accompagnarli in questa ultima parte di stagione per poi poter arrivare a festeggiare quando sarà tra te o quattro domeniche".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:GARGALLO Terza Categoria VCO