Cameri nuovo corso: Squeo è il tecnico, Izzillo il direttore sportivo - I AM CALCIO NOVARA

Cameri nuovo corso: Squeo è il tecnico, Izzillo il direttore sportivo

Giovanni Izzillo
Giovanni Izzillo
NovaraSeconda Categoria

Cambio della guardia per quanto riguarda l'assetto tecnico e societario del Cameri che, dopo la malaugurata retrocessione ai playout con cui si è chiusa la stagione appena conclusa, ripartirà dalla Seconda Categoria con un nuovo tecnico, Simone Squeo, recude dalla non felice stagione sulla panchina del San Rocco, conclusa con un esonero. L'ex tecnico sanrocchino prende il posto di Giovanni Izzillo che, nella nuova stagione, farà un passo indietro passando da tecnico della prima squadra a direttore sportivo della società nerazzurra: "Avevo bisogno di staccare con il campo - dice Izzillo -, dopo due stagioni particolari, in cui abbiamo vissuto tanti problemi sia a livello di squadra che miei personali. In più in società il ruolo di direttore sportivo era scoperto da quando Serra aveva lasciato il posto, per cui c'era bisogno di qualcuno che facesse da tramite tra squadra e società. Per la panchina si erano fatti anche altri nomi (ad esempio, quello dell'ex tecnico del Trecate Michele Spinelli, camerese doc), ma con la squadra in Seconda Categoria e con una società che in questo momento ha bisogno di ripartire da una squadra giovane, il profilo di Squeo ci è sembrato quello più adeguato per la nuova sfida che ci aspetta. E' sempre difficile fare proclami alla vigilia per cui partiremo per fare una buona stagione, ma in Seconda Categoria sono tante le squadre che ambiscono al salto di categoria, per cui non vogliamo caricarci sulle spalle l'onere di dover assolutamente vincere. Il gruppo di giocatori da cui ripartiremo sarà lo stesso della scorsa stagione, perché questi ragazzi meritano un riscatto dopo un'annata molto sfortunata come quella appena conclusa: a breve parleremo con tutti, ma i presupposti sono buoni".

Un'annata che, ripercorsa insieme con Giovanni Izzillo, traccia un po' la linea di quello che è stato il campionato 2015-16 per il Cameri: "Purtroppo quello che ci ha condannato credo sia stato il girone d'andata, dove veramente abbiamo patito tanti problemi anche all'interno della squadra. Nel ritorno abbiamo tenuto una buona media, ma non è bastato per conquistare un posto di rilievo nei playout che poi ci hanno visti arrivare al confronto con il Sizzano in una posizione veramente difficile, con la necessità di dover assolutamente vincere per non retrocedere. Un peccato, perché i ragazzi avrebbe meritato un epilogo diverso".

Carmine Calabrese